CinemaNewsTeatro

IL CALCIO COME TRAINO DELLO SPETTACOLO DAL VIVO?

0
Tempo di lettura: 2 minuti

In Olanda e Stati Uniti i tifosi di calcio sono tornati allo stadio. A New York lo Yenkee stadiun è stato riempito dai tifosi di baseball. Gli Europei di calcio apriranno gli stadi al 25% dei tifosi vaccinati, che hanno già avuto il Covid e negativi al test antigenico effettuato a ridosso dell’incontro. Lo stadio Olimpico di Roma sarà dotato di termo camere ,i tifosi entreranno scaglionati e sistemati in microsettori e per chi risulterà febbricitante saranno predisposte aree di isolamento dedicate.

Sarà lo sport a fare da apri pista per il rientro degli spettatori nei cinema e nei teatri? Se così fosse perché no?

Lo scorso 12 aprile nel corso dell’audizione di Franceschini al Comitato Tecnico Scientifico per discutere del riavvio delle attività legate al mondo dello spettacolo, il ministro ha presentato alcune proposte per consentire che la riapertura di teatri, cinema e sale da concerto, già prevista nelle zone gialle, possa avvenire con una maggiore presenza di pubblico, proponendo inoltre di consentire alle regioni di sperimentare in determinati luoghi all’aperto, eventi con numero maggiore di spettatori, introducendo misure aggiuntive di sicurezza, come sta avvenendo in altri paesi europei.

Quanto è sostenibile produrre spettacoli e rimanere aperti con la consapevolezza di avere introiti notevolmente ridotti a causa degli ingressi contingentati? Questo il nodo principale da sciogliere ma lo stesso Franceschini ha dichiarato che il mondo dello spettacolo “al pari di quello della scuola, debba essere considerato essenziale per la vita dei cittadini”.

La sostenibilità economica sarà garantita dall’equilibrio psicofisico dei professionisti del settore che torneranno a creare e produrre alacremente, e dal pubblico che ricomincerà a “nutrirsi”.

Ricordiamo che lo spettacolo dal vivo ha dimostrato la sua sicurezza nei mesi di riapertura dell’estate 2020, un solo contagio su 350 mila spettatori in quasi tre mesi di programmazioni tra i teatri, i ciname, le piazze e i parchi d’Italia per assistere a musica, danza, teatro, … (NDS l’ha scritto qui).

La luce in fondo al tunnel si è riaccesa, il calcio è spettacolo? Ben venga se ciò servirà a trainare la riapertura di loggioni e platee.

MA …

Nel frattempo Hollywood chiude 300 cinema e la Cina ne apre 2000.
Chiude il mitico Cinerama Dome, costruito nel 1963 e dichiarato monumento storico nel 1998, il preferito del regista americano Quentin Tarantino che l’ha immortalato nel film C’era una volta a… Hollywood, uscito nel 2019. A lui e a un’altra star del cinema, Brad Pitt, sono arrivati appelli online per comprarlo e salvare così una delle sale più emblematiche della capitale mondiale dell’industria cinematografica. Parallelamente la Cina accelera, a gennaio e febbraio scorsi sono state costruite più di 2mila sale.  Il cinema mondiale si è trasferito da Hollywood a Pechino?

Cinema Teatro Comunale di Catanzaro
Luigi Colella
Dal 2014 collaboro con Italiafestival, l'associazione dei festival italiani. Ho collaborato per diverse testate giornalistiche scrivendo di attualità, sport e cultura.

TRAILERS FILMFEST 2021, CONCORSO PITCH TRAILER

Articolo precedente

VERONA RIAPRE AL MONDO

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Cinema