CinemaNews

LA SIGNORA DELLE ROSE, UN FILM DI PIERRE PINAUD

0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Eve Vernet è stata per anni la più grande coltivatrice di rose di Francia. Oggi però si trova sull’orlo della bancarotta e la sua azienda è sul punto di essere acquisita da un potente concorrente. Vera, la sua fedele segretaria, le prova tutte per tentare di salvare la situazione e alla fine crede di poter trovare una soluzione rivolgendosi ai servizi sociali e assumendo tre dipendenti senza alcuna esperienza nel settore. Anche se non hanno nulla in comune, escogitano il piano più folle che potrebbe cambiare le loro vite per sempre.

“Ho scoperto  – dichiara il regista Pierre Pinaud – che la creazione di questi esemplari non è frutto del caso, ma si basa su una selezione molto meticolosa: si prendono i migliori “padri” (stami) e “madri” (pistilli), quelli con caratteristiche notevoli per colore o per resistenza alle malattie, o per profumo, e li si “sposa” nella speranza che ne vengano varietà degne di essere presentate nei concorsi. Poiché i temi sociali mi hanno sempre toccato e sfidato, ho visto un parallelo impressionante con le nostre società moderne ipercompetitive, con le loro tendenze elitarie, dove per entrare nelle migliori scuole, e quindi ottenere i migliori lavori, bisogna superare esami competitivi e spesso provenire da una buona famiglia. Da questa somiglianza, ho visto la base su cui avrei potuto costruire un film, e ho iniziato a immaginare una sceneggiatura”.

OCCHI BLU, IL LUNGOMETRAGGIO D’ESORDIO DI MICHELA CESCON

Articolo precedente

LA MUSICA CHE SEGNA L’ESTATE AL VIOTTI CLUB

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Cinema