Connect with us

Cosa stai cercando?

Festival, Teatro

“Milano è Viva” al Piccolo Teatro di Milano

Tempo di lettura: 3 minuti

Estate fuori scena, riprende la programmazione estiva del Piccolo Teatro

A settembre, sul finire dell’estate, riprendono gli spettacoli del Piccolo Teatro di Milano nell’ambito di Milano è Viva nei Quartieri, all’interno della più ampia cornice del palinsesto estivo del Comune di Milano “Milano è Viva”.

Proseguendo lungo la linea di uno sguardo che abbracci la città nella sua interezza connettendone strettamente le parti, il Piccolo, in dialogo con il Comune di Milano e, in particolare con l’Assessorato alla Cultura, riafferma con convinzione la necessità, per il teatro, di uscire, non solo metaforicamente, dalle proprie sedi, e raggiungere i cittadini anche nei luoghi della loro quotidianità.

Lo spettacolo dal vivo nelle zone meno centrali della città di Milano

Il Comune d Milano ha ottenuto un finanziamento di 2.512.000 euro dal MIC – Ministero della Cultura allo scopo di sostenere lo spettacolo dal vivo nelle zone meno centrali della città.

Su 111 progetti presentati, relativamente all’apposito bando esperito dal Comune di Milano, la Commissione di valutazione ne ha individuati 71 rispondenti ai criteri fissati dall’avviso pubblico: proposte di spettacolo che si svolgono in prevalenza nei quartieri della città collocati oltre la circonvallazione (quella percorsa dalla linea 90/91) tra il 15 giugno e il 2 ottobre e successivamente tra il 1° e il 31 dicembre 2022, presentate da organismi finanziati nell’ambito del FUS o comunque operanti nel settore dello spettacolo dal vivo da almeno tre anni.

La capienza dello stanziamento statale ha permesso di finanziarne 47, con tagli da 15.000 (14 progetti), 45.000 (15) e 90.000 euro (18) in base all’ampiezza, alla multidisciplinarietà e al valore del progetto stesso.

In quanto rito collettivo per eccellenza, il teatro può e deve avere un ruolo cruciale nel ricostruire un’idea di comunità e nel ricucire gli sfrangiamenti del tessuto metropolitano che la pandemia ha contribuito ad allargare.

Il progetto si costruisce intorno alla stretta collaborazione del Piccolo con realtà già radicate in quei territori: una rete, quindi, per intrecciare le linee artistiche con l’impegno consolidato e concreto nel campo della solidarietà, dell’aggregazione su base culturale e dell’inclusione sociale.

A fianco del Piccolo vi sono Atir-Associazione teatrale indipendente per la ricerca, Casa della Carità, COMIN-Cooperativa sociale di solidarietà e Ludwig-Officina di linguaggi contemporanei (mare culturale urbano), alle quali si aggiungono, sul versante dell’esperienza laboratoriale, Biblioteca Gallaratese e Il Razzismo è una brutta storia.

Inoltre, dal 9 al 14 settembre, gli spazi del Piccolo Teatro, che lo co-produce insieme a mare culturale urbano, con la direzione artistica di Andrea Capaldi, accolgono il festival Immersioni – laboratorio di linguaggi performativi nei quartieri.

Nucleo di questa prima edizione, la restituzione di studi e residenze artistiche che hanno messo al centro la relazione tra l’artista, i cittadini ed il loro immaginario: il lavoro sulle drammaturgie partecipate, esito della call Indagine Milano con i cittadini di quattro quartieri non centrali della città; lo spettacolo i Di/versi della compagnia Balletto Civile, un lavoro di ricerca tra società e atto poetico a partire dai Madrigali di Monteverdi; la rassegna sul podcast Voci immerse a cura di Audible; e la presentazione del testo vincitore della call ConTest Amleta (Associazione di promozione sociale per la lotta contro le disparità di genere nel mondo dello spettacolo).

Programma

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.