Dietro le Quinte

PROGETTO DEI CENTO MECENATI PER LA TERZA VOLTA TRA I PIÙ VOTATI D’ITALIA

0
Tempo di lettura: 2 minuti

Si è svolta al Real Collegio di Lucca, giovedì 8 ottobre, la premiazione dei progetti finalisti del concorso “Progetto Art Bonus dell’anno” 2019 promosso da Ales spa, (Società responsabile del programma di gestione e promozione dell’Art Bonus per conto del Ministero per i beni, le attività culturali e il turismo), con Promo PA Fondazione – LuBeC. La cerimonia era inserita nell’ambito della XVI edizione di LuBeC – Lucca Beni Culturali, incontro annuale dedicato alla riflessione sulle politiche e sulle azioni sistemiche per lo sviluppo della filiera beni culturali – tecnologie – turismo.

Il progetto dei Cento Mecenati promosso dall’Associazione Arena Sferisterio si è posizionato per la terza volta fra i primi dieci in Italia, grazie alle votazioni sulla piattaforma www.concorsoartbonus.it e sui relativi canali social, svoltesi da ottobre 2019 a gennaio 2020.

A ritirare a Lucca il riconoscimento dal valore fortemente simbolico è stato il sovrintendente dell’Associazione Arena Sferisterio Luciano Messi, che è stato inoltre, nel suo ruolo di presidente ATIT Associazione Nazionale Teatri di Tradizione, fra i relatori di una tavola rotonda (sempre all’interno dell’incontro di LuBeC) dal titolo “La riforma del sistema dello spettacolo tra nuovi modelli di governance territoriale, infrastrutture tecnologiche e inclusione” realizzata in collaborazione con il MIBACT – direzione generale dello Spettacolo dal vivo e con AGIS.

Il concorso Art Bonus, che ha visto quest’anno in gara 166 progetti, ha registrato un aumento del 40% rispetto alla precedente edizione e un particolare incremento delle proposte provenienti dal Sud Italia. Triplicati anche i voti totali ricevuti, grazie appunto all’introduzione della possibilità di esprimere la propria preferenza anche sui social network oltre che sul sito internet.

Il progetto vincitore è stato quello del restauro delle “Monete di Elea/Velia” promosso dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino che ha ricevuto il maggior numero di voti – 3.245 su un totale di 31.250.

Questo nuovo riconoscimento per il progetto maceratese è l’unico assegnato nelle Marche e, con il Plautus Festival di Sarsina, condivide la caratteristica di non essere destinato a un bene culturale immobile, a un restauro o a una riqualificazione, ma al mondo dello spettacolo. Inoltre, il progetto dello Sferisterio è riuscito a classificarsi annualmente fra i primi dieci più votati, cosa che non è mai successa a nessun altro.

L’Associazione Arena Sferisterio condivide che la soddisfazione per questo nuovo traguardo con tutti coloro che sostengono l’attività del festival maceratese, incoraggiando la riconferma e favorendo nuovi ingressi.

L’adesione ai Cento Mecenati avviene attraverso Art Bonus, misura fiscale promossa dal MIBAC per favorire il sostegno dei privati al finanziamento della cultura: la normativa prevede agevolazioni fiscali del 65% in tre anni. Chi decide ad esempio di sostenere lo Sferisterio aderendo ai Cento Mecenati con 1000 euro, ne recupera 650 sotto forma di credito d’imposta.

OZPETEK, REGISTA, AUTORE E UOMO DALLA GRANDE NOBILTÀ D’ANIMO

Articolo precedente

IL TEATRO DIEGO FABBRI RIAPRE LE PORTE AL PUBBLICO

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *