Connect with us

Cosa stai cercando?

Incontri

Residenza per curatrici e curatori – L’insostenibile leggerezza dell’essere

Tempo di lettura: 3 minuti

Il valore delle relazioni

I mutamenti repentini di questo tempo e le trasformazioni delle pratiche artistiche e organizzative, hanno cambiato le modalità di composizione dei progetti e non permettono più di determinare che cosa s’intenda esattamente oggi per curatore o curatela nelle attività delle arti sceniche e performative contemporanee.

Agli organizzatori piace pensare che sia ancora il desiderio di qualcuno, o di più persone assieme, di prendersi cura di un processo creativo, di un’opera d’arte, di un progetto culturale e sociale, di una cittadinanza di donne e uomini che hanno scelto di interrogarsi sulle visioni del mondo, a partire da una porzione di cielo e di terra ben definiti.

In questi percorsi costellati da continui interrogativi e rapidi spostamenti di senso, per gli organizzatori delle “residenze”, le curatrici e i curatori sono coloro che – muovendosi all’interno delle relazioni fra artisti, pubblico e istituzioni – si assumono la responsabilità autoriale di accudire un progetto dal principio alla fine, nelle infinite variabili che abitano le culture dei progetti, compresi i sani imprevisti e il diritto all’errore, il riposizionamento delle pratiche e dei sentimenti per scombinare i contenuti e le forme dell’agire umano, insieme.

Gli incontri di Prato, Catanzaro e Mondaino indagheranno meglio il significato e le nuove funzioni della curatrice e del curatore per le arti sceniche e performative, colmeranno eventuali lacune e promuoveranno confronti con i ricercatori che hanno già avviato una riflessione nazionale e internazionale.

Saranno condivise le voci e le azioni di una vasta comunità plurale di operatori, organizzatori, programmatori e curatori che rifletteranno sul presente per immaginare un futuro che ancora non è dato a vedere, disponendo di nuovo le relazioni fra processo e prodotto, disseminazione delle pratiche e attesa di risultati.

Negli ambienti artistici e organizzativi delle residenze la necessità di istituire la Residenza per curatrici e curatori potrebbe connettersi con l’antica e consolidata prassi dell’organizzatrice e organizzatore (mediazione di processi culturali con gli artisti e le comunità di prossimità) e l’acquisizione di nuove competenze per riflettere sulla mutazione dei paesaggi antropologici e culturali, artistici e sociali, che suggeriscono la sperimentazione di altre pratiche ed esperienze progettuali.

Per questo motivi tre strutture, un TRIC, un Festival e un Centro di Residenza si sono ritrovate intorno all’esigenza di avviare un processo di riflessione sulle pratiche artistiche e organizzative che ci aiutino a comprendere e meglio definire il ruolo delle curatrici e dei curatori nelle arti sceniche e performative del nostro tempo.

L’operazione desidera aprire una strada e iniziare un percorso collettivo di studio e di confronto istituendo la Residenza per curatrici e curatori.

A settembre 2022 e a maggio 2023 saranno tre le residenze organizzate per comprendere e analizzare il rinnovamento delle scene contemporanee, dentro e fuori i teatri, le espressioni artistiche e la società civile, l’attraversamento dei codici performativi e le urgenze del quotidiano.

Per ogni residenza saranno invitati, di volta in volta, dieci curatrici e curatori delle arti sceniche e performative e due curatrici e curatori delle arti visive.

Progetto triennale 2022 – 2024

RESIDENZA PER CURATRICI E CURATORI

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE. Il valore delle relazioni

a cura di Fabio Biondi (L’arboreto – Teatro Dimora), Edoardo Donatini (Teatro Metastasio), Settimio Pisano (Primavera Dei Teatri)

in dialogo critico con Lorenzo Donati, Roberta Ferraresi, Maddalena Giovannelli, Rodolfo Sacchettini, Alessandro Toppi

Primo atto: Settembre 2022 / Maggio 2023

23 e 24 settembre 22 – Prato, Contemporanea Festival 

27 e 28 settembre 22 – Catanzaro, Primavera dei Teatri

maggio 23 – Mondaino, L’arboreto – Teatro Dimora

Scritto da

Direttore editoriale e coordinatore delle attività di redazione della testata “Notizie di Spettacolo”. Dal 2014 coordina le attività di Italiafestival, l'associazione dei festival italiani. Ha scritto per diverse testate giornalistiche di attualità, sport e cultura.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Agis, Aidaf

Tutelare la salute degli allievi e delle famiglie e al tempo stesso restituire dignità alla professione dell’insegnante di danza, fornendo una prospettiva chiara del...

Agis, Ministero della Cultura

Il Ministro della cultura, Gennaro Sangiuliano, ha firmato il decreto di nomina del Consiglio superiore dello spettacolo, così composto: Eleonora Abbagnato, in qualità di Presidente; Isabella Ambrosini, Edoardo...

Comunicato stampa, Spettacolo

I teatri alzano i sipari, le sale da concerto ritornano ad affollarsi e i cinema, seppur con qualche difficoltà, riaprono le sale al pubblico....

Teatro

I teatri sono luoghi di aggregazione, dove si condividono esperienze ed emozioni. Ci fa sorridere, ci fa riflettere, ci fa sognare. In alcuni casi,...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.