NewsPassione Teatro

SI ALZA IL SIPARIO SULLA STAGIONE DEL TEATRO DIEGO FABBRI

0
Tempo di lettura: 8 minuti

A poche settimane da una ricca e di successo “estate teatrale” proposta all’Arena San Domenico e alla Fabbrica delle Candele, l’Amministrazione Comunale di Forlì e Accademia Perduta/Romagna Teatri presentano per il TEATRO DIEGO FABBRI la nuova e importante Stagione Teatrale 2021/2022, realizzata con il sostegno della Fondazione Cassa dei Risparmidi Forlì. Una stagione “a colori” e “di passaggio”, rinnovata nella sua impostazione in funzione del contingentamento dei posti ancora in vigore, ma che conferma la sostanza della qualità e dell’inclusione, con nomi di alto profilo artistico e linguaggi diversi che possano incontrare gusti e inclinazioni di ogni tipo di pubblico, di ogni età, di ogni cultura, per divertirlo, emozionarlo, stupirlo.

Una Stagione che, pur ancora transitoria, segna un deciso passo avanti rispetto al progetto dello scorso anno. Non più “rassegne”, ma un unico, ricco cartellone divisibile in “Percorsi”, contrassegnati da un colore, e “micro-Percorsi” che possano agevolare le scelte del pubblico, invitandolo anche all’utilizzo di eventuali voucher ancora in possesso.

La prima novità riguarda l’Inaugurazione stessa della Stagione pensata come una vera e propria Festa: tre giorni consecutivi di spettacolo, dal 22 al 24 ottobre, con cui celebrare un nuovo inizio e tornare a sorridere e a condividere emozioni, pur in un momento ancora delicato come quello presente. Dunque, che la Festa abbia inizio con due grandi amici, cari al pubblico forlivese: Duilio Pizzocchi e Giuseppe Giacobazzi, apriranno il sipario con un esilarante Show in scena venerdì 22 ottobre. La Festa prosegue, sabato 23 ottobre, con il concerto-spettacolo dei musicisti più divertenti della Romagna, i Musicanti di San Crispino. Per il coinvolgimento di tutti i pubblici, la Festa Inaugurale si conclude domenica 24 ottobre alle ore 11 con la favola Hansel e Gretel, spettacolo della compagnia Il Baule Volante che narra le celebri avventure dei due fratellini abbandonati nel bosco. Una storia universalmente nota per il divertimento comune di grandi e piccoli.

Al pubblico dei bambini e delle famiglie il Teatro Diego Fabbri rivolge come sempre particolare attenzione proponendo, anche per la nuova Stagione, il cartellone Family, realizzato in collaborazione con il Centro Famiglie della Romagna forlivese, con tre spettacoli a ingresso gratuito: due creazioni della stessa Accademia Perduta, l’epico Pinocchio e il magico, divertente Un topo, due topi, tre topi… Un treno per Hamelin tratto dalla celebre fiaba Il pifferaio magico; terzo appuntamento con lo spettacolo “ciclo-comico” Giro della piazza della compagnia Madame Rebiné.

La Stagione ammiraglia sarà, come accennato, unica ma diviso in Percorsi contraddistinti da diversi colori che, in sostanza, ne identificheranno il linguaggio artistico. Il pubblico “attraverserà” questi percorsi insieme a grandissimi protagonisti delle scene nazionali: Monica Guerritore, Lello Arena, Drusilla Foer, Nancy Brilli, Chiara Noschese, Virginia Raffaele, Ale e Franz, Michele Placido, Marco Paolini, Amanda Sandrelli, Ambra Angiolini, Laura Curino, Lucia Vasini, Dario Ballantini, Enrico Guarneri, Umberto Orsini, Franco Branciaroli, Lillo e Greg.

Il Percorso Rosso comprenderà sei titoli, tra classico e contemporaneo: L’anima buona di Sezuan di Bertolt Brecht con Monica Guerritore, Parenti serpenti di Carmine Amoroso con Lello Arena, Manola di Margaret Mazzantini con Nancy Brilli e Chiara Noschese, La bottega del caffè di Carlo Goldoni con Michele Placido, I Malavoglia di Giovanni Verga con Enrico Guarneri e Pour un oui ou pour un non di Nathalie Serraute con Umberto Osini e Franco Branciaroli.

I Percorsi Rosa e Fucsia includono 3 spettacoli selezionati dal Rosso e sono rispettivamente: L’anima buona di Sezuan, Parenti serpenti e Manola per il primo; La bottega del caffè, I Malavoglia e Pour un oui ou pour un non per il secondo. Ancora tra i titoli del Rosso si potrà scegliere di seguire il Percorso Arancione – Speciale domeniche pomeriggio con gli spettacoli L’anima buona di Sezuan, Parenti Serpenti, Manola e I Malavoglia.

Con il Percorso Giallo il Teatro Diego Fabbri propone un indirizzo multiforme e stravagante, in cui spaziare tra racconti, video-animazione e musica, con cinque spettacoli: Eleganzissima con Drusilla Foer, Lucrezia Forever! con Amanda Sandrelli, Il nodo con Ambra Angiolini e Arianna Scommegna, Sani di e con Marco Paolini, L’anello forte con Laura Curino e Lucia Vasini.

Nel Percorso Blu quattro spettacoli dai toni ironici, brillanti ed esilaranti insieme ad Ale e Franz, Dario Ballantini, Lillo e Greg e Virginia Raffaele (questi ultimi due proposti anche in una data “Fuori Percorso”).

Con la Stagione 2021/2022 riapriranno anche le porte del meraviglioso Ridotto, cornice perfetta agli Incontri con gli Artisti protagonisti dei titoli del Percorso Rosso (che avranno luogo nel secondo giorno della loro permanenza a Forlì); spettacoli illustrati e dettagliati di seguito insieme a tutti gli appuntamenti in programma dopo un’ultima, doverosa precisazione: il Teatro Diego Fabbri sarà un luogo sicuro per tutti, spettatori, artisti, personale addetto. Ogni norma per la sicurezza sanitaria, già in vigore o futura, sarà rigorosamente e come sempre rispettata.

Il Teatro Diego Fabbri vanta un pubblico straordinario, fedele, solidale, curioso, partecipe, accogliente e caloroso. L’impegno del Comune di Forlì e Accademia Perduta/Romagna Teatri è quello di “proteggerlo” affinché possa continuare a mantenere le proprie buone abitudini teatrali e culturali e godere delle emozioni uniche dello spettacolo dal vivo in assoluta tranquillità.

STAGIONE 

Ad alzare il sipario sulla nuova Stagione del Teatro Diego Fabbri sarà MONICA GUERRITORE che in L’anima buona di Sezuan di Bertolt Brecht interpreta la prostituta Shen Te. Grazie al servizio che offre una notte a tre dèi, riesce a riscattarsi e ad avere il denaro per aprire una tabaccheria. Dovrà ugualmente affrontare uno “sciame” di losche persone da cui difendersi. Le cose cambieranno davvero solo quando Shen Te incontrerà l’amore (Percorso Rosso o Rosa o Arancione, venerdì 19 e sabato 20 novembre alle ore 21; domenica 21 novembre ore 16).

Sarà poi la volta dell’istrionico LELLO ARENA con uno spettacolo dai toni brillanti e allo stesso tempo amari: Parenti serpenti di Carmine Amoroso, tratto dal celebre film del 1992 di Mario Monicelli. Tutto ha inizio con un Natale in famiglia, a casa degli anziani genitori che aspettano tutto l’anno quel momento per rivedere i figli ormai lontani. E se quest’anno gli amati genitori volessero chiedere qualcosa ai loro figli? Se volessero finalmente essere accuditi, chi si farà carico della loro richiesta? Uno spaccato di vita intimo e familiare di grande attualità, con un crescendo di situazioni esilaranti e spietate che riescono a far ridere e allo stesso tempo a far riflettere con profonda emozione e commozione (Percorso Rosso o Rosa o Arancione, venerdì 3 e sabato 4 dicembre ore 21; domenica 5 dicembre ore 16).

NANCY BRILLI e CHIARA NOSCHESE interpretano nello spettacolo Manola di Margaret Mazzantini, due sorelle che, pur essendo molto diverse tra loro, si rivolgono alla stessa terapeuta dell’occulto, la tanto invocata Manola del titolo. Una maratona impudica e commovente, che svela l’intimità femminile in tutte le sue scaglie. Un testo sfrenato in cui, in una sorta di prova circense senza rete, si cimentano due interpreti formidabili (Percorso Rosso o Rosa o Arancione, venerdì 7 e sabato 8 gennaio alle ore 21; domenica 9 gennaio ore 16).

Eleganzissima è il titolo del recital che vedrà protagonista la talentuosa DRUSILLA FOER. Un mish-mash emotivo e musicale, scritto e diretto da Madame Foer, che racconta, con humor tagliente e commovente malinconia, aneddoti e ricordi della sua vita straordinaria, costellata di incontri e amicizie con persone fuori dal comune. Essenziali al racconto sono le canzoni che Drusilla Foer interpreta accompagnata al pianoforte dal Maestro Loris di Leo e con la partecipazione di Nico Gori, solista d’eccezione al clarinetto e al sax (Percorso Giallo, giovedì 13 gennaio ore 21).

Comincium è il titolo del nuovissimo spettacolo con cui il celebre e formidabile duo ALE e FRANZ torna sul palcoscenico, davanti al pubblico, con la sua irresistibile comicità (Percorso Blu, sabato 22 gennaio ore 21).

Il grande MICHELE PLACIDO, insieme ad altri nove interpreti, porta in scena il testo di Carlo Goldoni La bottega del caffè, con la regia di Roberto Valerio. Moderna e complessa, ricca di ironie e acutezze, la commedia unisce una sapiente scrittura drammaturgica corale all’italiano settecentesco parlato, superando la stessa caratterizzante unità d’ambiente, quella di un campiello veneziano, dalla mattina al tramonto, in uno spaccato di vita quotidiana, che mette insieme lo spazio aperto di un caffè e quello chiuso di una casa da gioco clandestina (Percorso Rosso o Fucsia, mercoledì 2 e giovedì 3 febbraio ore 21).

DARIO BALLANTINI porta a teatro un cavallo di battaglia del suo repertorio giovanile: il grande Petrolini. Con la consueta, maniacale ostinazione per il camuffamento totale, l’artista livornese riesce a far rivivere, in una versione più aderente possibile all’originale, sette personaggi creati dal grande comico romano nato alla fine dell’800: Gigi il Bullo, Salamini, la Sonnambula, Amleto, Nerone, Fortunello e Gastone si ripresentano in scena nel nuovo millennio (Percorso Blu, martedì 22 febbraio ore 21).

Accademia Perduta/Romagna Teatri presenta al pubblico di Forlì un titolo del suo nuovo catalogo produttivo: Lucrezia Forever!, scritto e diretto da Francesco Niccolini, co-prodotto con Lucca Crea, Teatro del Giglio e Arca Azzurra, e interpretato da AMANDA SANDRELLI. Uno spettacolo surreale, comico, poetico, struggente: in scena quattro attori, tre dei quali digitali, la quarta in carne e ossa ma con riflessi a fumetti. Perché tutto nasce da un personaggio a fumetti, Lucrezia, generato dalle fervide mente e mano di Silvia Ziche, disegnatrice vicentina che da anni dà vita a questa single piena di complessi, tic e manie. Un personaggio amatissimo da generazioni di donne (e non solo): perfetto per raccontare il mondo femminile contemporaneo, in un riuscito mix di autoironia, consapevolezza, tenerezza e realismo (Percorso Giallo, lunedì 28 febbraio ore 21).

Il nodo affronta il tema del bullismo, sulle ragioni intime che lo generano. Grazie all’acceso e duro confronto tra una insegnante di una classe di prima media e la madre di un suo allievo, interpretate da AMBRA ANGIOLINI e ARIANNA SCOMMEGNA, si cercherà di capire cosa sia davvero successo al ragazzo, sospeso da scuola e tornato a casa pieno di lividi. È stato vittima di bullismo o forse lui stesso è un molestatore? Sciogliere questo “nodo”, cercare la verità, potrà dare un senso al dolore, allo smarrimento e al soffocante senso di colpa (Percorso Giallo, martedì 8 marzo ore 21).

MARCO PAOLINI presenta al pubblico il suo nuovo spettacolo Sani! Teatro fra parentesi: le mie storie per questo tempo, fondato su un canovaccio autobiografico che cuce insieme storie vecchie e nuove, in un viaggio che parte dal passato per narrare il presente (Percorso Giallo, martedì 22 marzo ore 21).

Un grandissimo interprete, ENRICO GUARNERI sarà protagonista de I Malavoglia, spettacolo tratto dal capolavoro di Giovanni Verga. La pièce centra il racconto sugli eventi più significativi che segnano la vita della famiglia Toscano di Acitrezza, lì dove Verga punta a violare ogni speranza di emancipazione dei suoi personaggi. Il cinismo di quello che passa alla storia come “l’ideale dell’ostrica” verghiano assume i toni di un’oscura fatalità (Percorso Rosso o Fucsia o Arancione, venerdì 25 e sabato 26 marzo ore 21; domenica 27 marzo ore 16).

Sarà poi la volta della vulcanica VIRGINIA RAFFAELE con il suo ultimo spettacolo Samusà. La Raffaele rende omaggio “alla sua casa”, il LunEur, il luna park del quartiere Eur a Roma, raccontando i mille volti del luna park e della sua vita tra ricordi, ora esilaranti, ora poetici (Percorso Blu, mercoledì 30 marzo ore 21; Fuori Percorso, giovedì 31 marzo ore 21).

Seguirà L’anello forte, uno spettacolo di Anna Di Francisca, interpretato da LAURA CURINO e LUCIA VASINI. Un omaggio a Nuto Revelli e alle indimenticabili donne di cui l’autore ha raccolto le testimonianze. Le due attrici raccontano le storie che lo scrittore, cantore di un’Italia contadina d’altri tempi, assegna alle donne. Memorie di lavoro e tenacia, storie struggenti di soprusi ed emancipazione dove, in campagna prima e nell’industria poi, si affrontano i desideri di autonomia e libertà, le ambizioni di un futuro diverso per sé stesse e per i propri figli.  Ruvide, ironiche, taglienti, le donne si raccontano senza mai indulgere a compatirsi, anzi, cercano sempre l’aspetto divertente e paradossale delle loro vicende. La tenerezza viene mascherata con pudore e quando emerge commuove (Percorso Giallo, sabato 2 aprile ore 21).

Due “mostri sacri” del teatro italiano, UMBERTO ORSINI e FRANCO BRANCIAROLI, si ritrovano sulla scena dopo tanti anni per dare vita alla commedia Pour un oui ou pour un non di Nathalie Serraute, una delle più importanti scrittrici francesi della seconda metà del novecento. Due amici si ritrovano dopo un non motivato distacco e si interrogano sulle ragioni della loro separazione, scoprendo che sono stati i silenzi tra le parole dette e soprattutto le ambiguità delle “intonazioni” a deformare la loro comunicazione. Perché ogni “intonazione” può essere variamente interpretata dalla disposizione d’animo di chi l’ascolta. A guidare questo gioco sarà uno dei maestri indiscussi dello spettacolo, Pier Luigi Pizzi (Percorso Rosso o Fucsia, martedì 19 e mercoledì 20 aprile ore 21).

La Stagione si chiude con gli esilaranti “duetti” di LILLO e GREG che, nello spettacolo Gagmen, faranno divertire il pubblico con i loro fantastici sketch. Lo sfavillante “varietà” propone cavalli di battaglia della famosa coppia tratti dal loro repertorio teatrale, televisivo e radiofonico (Percorso Blu, sabato 9 aprile ore 21; Fuori Percorso, domenica 10 aprile ore 21).

OFFICINA DELLE ARTI PASOLINI: #RICOMINCIAMO

Articolo precedente

“TRE PIANI” L’ULTIMO LAVORO DI NANNI MORETTI

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News