NewsPassione TeatroStorie di MusicaTeatro

COVID-19 VS LUOGHI DELLO SPETTACOLO, META’ CAPIENZA E’ POSSIBILE

0
Tempo di lettura: 3 minuti

Una sala da concerto tedesca ha commissionato uno studio alla Fraunhofer Society . Grazie ad un corretto sistema di ventilazione, i luoghi dello spettacolo si certificano “covid-safe” con la metà della capienza consentita. Forse si inizia ad intravedere una luce in fondo al tunnel.

La chiusura delle sale da concerto è stata un duro colpo per il comparto dello spettacolo in tutti i paesi scossi dalla pandemia di coronavirus .  Sebbene ci siano stati aiuti governativi, raramente sono stati sufficienti per compensare le mancate entrate derivanti dagli spettacoli cancellati.

Sulla scia delle chiusure in corso nella sua regione, la Dortmund Concert Hall ha deciso di commissionare uno studio all’organizzazione di ricerca scientifica, la Fraunhofer Society, per indagare sulla diffusione di aerosol e CO2 in un luogo di spettacolo. Lo studio esamina specificamente il rischio di infezione per i membri del pubblico quando frequentano sale da concerto e teatri.

Lo studio ha utilizzato un manichino per simulare l’emissione del respiro umano. 
Immagine:  Konzerthaus Dortmund

“Il miglior programma di aiuto che possiamo ora organizzare è riuscire a dare di nuovo agli artisti un palco, cioè riaprire sale da concerto e teatri”, afferma Raphael von Hoensbroch, direttore della sala da concerto di Dortmund. “Perché molti dei programmi di aiuto istituiti dallo Stato non raggiungono le persone colpite”.

Test approfonditi si sono svolti nella hall e nel foyer del locale, è stato utilizzato un manichino per simulare l’emissione del respiro umano nella hall. Allo studio hanno preso parte anche i dipendenti della sala da concerto, nonché i musicisti della Filarmonica di Dortmund.
I test hanno rilevato che nella sala, il rischio di infezione da COVID-19 mediante l’aerosol – goccioline potenzialmente infettive generate da respiri pesanti e conversazioni – era estremamente basso. Il sistema di ventilazione centrale della sala, combinato con tutti i membri del pubblico (con avevano obbligo di mascherina), ha ridotto notevolmente i livelli di inquinamento da aerosol e CO2.

I dipendenti della sala da concerto di Dortmund hanno preso parte allo studio COVID-19. 
Immagine:  Konzerthaus Dortmund

SULLA BASE DEL TEST EFFETTUATO SI POTREBBE ARRIVARE ALLA CONCLUSIONE CHE UN SOLD OUT NON SAREBBE TOTALMENTE INCONCEPIBILE IN TEMPI DI PANDEMIA
Tuttavia, tenendo conto anche delle vie di accesso –inclusi ingressi e corridoi– alla hall e ai foyer, lo studio raccomanda che la sala venga occupata solo la metà rispetto alla sua capacità abituale.

Si consiglia uno “schema a scacchiera” per la disposizione dei posti a sedere, in modo che il posto direttamente di fronte a un membro del pubblico sia sempre libera e che l’individuo possa rimuovere la maschera dopo essersi seduto. Lo studio conclude come questi risultati potrebbero essere trasferiti in altre sedi, ma avrebbero bisogno di un sistema di ventilazione simile a quello del Dortmund.

“La sala da concerto non può attivare un evento di super diffusione del virus “super spreading” con un sistema di ventilazione esistente (ricambio d’aria completo con l’aria esterna ogni 20 minuti)”riassume la sala da concerto sul suo sito web .

Questa idea è emersa in un precedente studio tedesco , da scienziati dell’ospedale Charité di Berlino che hanno affermato che la priorità – quando i padiglioni iniziano a riaprire – dovrebbe essere data ai luoghi con sistemi di ventilazione in grado di garantire il ricambio d’aria più volte all’ora.
Isabell Pfeiffer-Poengsen, Ministro della Cultura e della Scienza dello Stato del Nord Reno-Westfalia, descrive lo studio come un “elemento fondamentale”.

Isabell Pfeiffer-Poengsen

Tuttavia, le istituzioni culturali devono ancora rimanere chiuse nello stato occidentale. “È tanto più importante creare prospettive e pianificare la sicurezza per il periodo successivo al blocco”, ha aggiunto.

Un portavoce della sala da concerto ha dichiarato: “Non appena ciò sarà possibile in linea con la situazione del contagio, le istituzioni culturali dovrebbero essere in grado di riaprire, sulla base di fatti scientifici e di una piena considerazione delle rispettive condizioni locali”.

Qui puoi firmare la petizione lanciata dal Presidente AGIS, Carlo Fontana per una strategia di ripartenza del settore

LINK APPROFONDIMENTO ULTERIORI STUDI TEDESCHI
Vedi anche, cantare non è più rischioso che parlare

AL VIA IL SECONDO CICLO DI RESIDENZE ARTISTICHE AL TEATRO INDIA

Articolo precedente

ATCL PRESENTA LIVE STREAMING THEATRE

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News