Passione TeatroTeatro

TEATRO STABILE DI TORINO, “IL FANTASMA DELLA VERITÀ” DI LUCIO FIORENTINO

0
Tempo di lettura: 2 minuti

Il secondo appuntamento del progetto “CAMERE NASCOSTE. Svelare il teatro a porte chiuse” prevede lo streaming del docufilm “Il fantasma della verità”, prodotto dal Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale e realizzato dal regista Lucio Fiorentino, disponibile gratuitamente online a partire da venerdì 12 febbraio 2021, alle ore 18.30, al link www.teatrostabiletorino.it/camerenascoste

Dedicato all’opera teatrale “Così è (se vi pare)” di Luigi Pirandello, con la regia di Filippo Dini, il video racconta, anche attraverso le interviste ai protagonisti, il dietro le quinte delle prove di uno spettacolo che ha riscosso grande consenso di pubblico e di critica, ottenendo il Premio Le Maschere del Teatro Italiano 2019 per la miglior regia e le migliori luci, e che è stato il primo Pirandello in lingua italiana eseguito (con enorme successo) in Cina. 

Le riprese si sono svolte al Teatro Carignano di Torino nel mese di dicembre del 2020: lo spettacolo doveva debuttare durante le Feste di fine anno, ma viste le restrizioni imposte in questo periodo è stato trasmesso in streaming dal 31 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 con un ottimo riscontro di visualizzazioni. 

Sarà possibile addentrarsi nel making of del docufilm attraverso il sito www.teatrostabiletorino.it e i principali social (Facebook e Instagram): foto, brevi clip, battute per cogliere la missione di un teatro e dei suoi lavoratori, un impegno costante, anche quando la scena è preclusa allo sguardo degli spettatori.

Nell’ambito di “CAMERE NASCOSTE. Svelare il teatro a porte chiuse” è già disponibile on-line il video “Dov’è finita la normalità?”, dal racconto di The Spank di Hanif Kureishi, interpretato da Filippo Dini e Valerio Binasco, diretti dello stesso Dini.

A partire dal 5 marzo 2021, verrà programmato il terzo docufilm del progetto: “Le bestie”, realizzato su Il piacere dell’onestà, nuova produzione del TST diretta e interpretata dal Direttore artistico dello Stabile, Valerio Binasco. 

AMORE E ANARCHIA NEL SUD RURALE DEGLI ANNI CINQUANTA

Articolo precedente

IN ARRIVO LA NONA EDIZIONE DI JUNIOR

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *