Cinema

TOTTI PIU’ FORTE DEL COVID. LA SALA NON FA PAURA

0
Tempo di lettura: < 1 minuto

600mila euro e 55mila spettatori. Il tutto in soli 3 giorni. Numeri da capogiro (in questi tempi) per Mi chiamo Francesco Totti, il documentario diretto da Alex Infascelli che racconta la storia del grande campione della Roma.

Presentato alla Festa del Cinema di Roma, il film sarebbe dovuto restare nelle sale come evento speciale per soli 3 giorni (dal 19 al 21 ottobre) ma, visti i risultati, resterà ancora in programmazione nei cinema italiani.

Soddisfazione da parte di regista, produttori e distributori, che per voce di Nicola Maccanico, ceo di Vision, dichiara: “L’incasso del film-evento dimostra che, nono- stante le difficoltà del momento, il rapporto tra pubblico e sala è ancora vivo. E con responsabilità, per contribuire in ogni modo possibile al supporto dell’esercizio, abbiamo deciso di lasciare il film nei cinema nei prossimi giorni. Far vivere il cinema oggi implica l’assunzione da parte di ognuno di alcuni rischi e Vision non ha paura di farlo”.  

A questo punto una riflessione ed una speranza sono d’obbligo.

Il successo del film dimostra non solo la voglia di cinema da parte del pubblico, ma testimonia quanto la percezione degli spettatori verso i luoghi di spettacolo (come dimostrato dallo Studio dell’AGIS), sia di assoluta sicurezza, grazie a tutte le norme di sicurezza messe in atto dagli operatori del settore.

La speranza è che l’esempio di questo piccolo grande successo possa essere da monito alle grandi Major, che recentemente hanno posticipato titoli di punta al 2021, a rivedere le loro posizioni.

Il pubblico ha voglia di cinema. Parola di Capitano.

Gabriele Spila
Entra nel 2002 a far parte dello staff dell’AGIS, prima all’Ufficio Cinema – dove lavora all’organizzazione di eventi come gli Incontri del Cinema d’Essai e le Giornate Professionali di Cinema -, e poi, dal 2006, all’Ufficio Comunicazione. Scrive dal 2000 su diverse testate specializzate. Tra queste il Giornale dello Spettacolo e Vivilcinema.

    BEETHOVEN, IL NOVECENTO E OLTRE ALLA FILARMONICA ROMANA

    Articolo precedente

    GIORNATE PROFESSIONALI DI CINEMA, RINVIATE LE DATE DELL’EDIZIONE 2020

    Articolo seguente

    Ti potrebbero interessare

    Commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    More in Cinema