Connect with us

Cosa stai cercando?

Lirica, Musica

All’Arena di Verona si celebra l’Opera lirica italiana patrimonio dell’umanità

Tempo di lettura: 2 minuti

160 professori d’orchestra, 300 artisti del Coro e un grande direttore: Riccardo Muti. Un complesso orchestrale che riunisce musicisti e professionisti provenienti dalle Fondazioni lirico sinfoniche italiane il 7 giugno all’Arena di Verona per “La Grande Opera Italiana Patrimonio dell’Umanità”.

Una serata evento, organizzata dal Ministero della Cultura per celebrare l’iscrizione del canto lirico italiano come patrimonio Unesco, realizzata in collaborazione con l’Arena di Verona e con la partecipazione di Siae, Anfols, Teatro alla Scala e dell’Accademia di Santa Cecilia.

«Il concerto del 7 giugno, promosso dal Ministero della Cultura, vedrà tutto il mondo dello spettacolo italiano riunito per celebrare l’iscrizione del canto lirico italiano nella lista del patrimonio immateriale Unesco, avvenuta lo scorso 6 dicembre – ha dichiarato il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano.L’orchestra d’eccezione, diretta dal Maestro Riccardo Muti, sarà costituita da musicisti e artisti del coro provenienti da tutte le Fondazioni lirico-sinfoniche nazionali e dalle maggiori Orchestre d’Opera italiane. Un’occasione unica e irripetibile, trasmessa in diretta in mondovisione su Rai Uno, in cui spettatori e ascoltatori potranno ripercorrere le arie più note e popolari della nostra produzione lirica, che fa parte a pieno titolo di quell’autentico immaginario italiano al quale il Governo sta lavorando su più fronti».

L’evento precede di un giorno l’apertura della stagione dell’Arena di Verona Opera Festival, che quest’anno giunge alla sua 101° edizione. In platea le maggiori autorità italiane, i rappresentanti delle istituzioni culturali, l’Unesco e gli ambasciatori di numerosi Paesi.

Radunati sul palco alcune delle voci più amate in tutto il mondo, da Anna Netrebko a Jonas Kaufmann, da Luca Salsi a Eleonora Buratto, insieme ai volti mondiali del balletto italiano – Roberto Bolle e Nicoletta Manni, entrambi etoile del Teatro alla Scala.

«Diamo il via al nuovo secolo dell’Arena di Verona Opera Festival festeggiando il Canto lirico in Italia patrimonio dell’Umanità. Non potremmo essere più felici di così – ha affermato Cecilia Gasdia, Sovrintendente della Fondazione Arena di Verona e vicepresidente di Anfols – il prossimo 7 giugno, i riflettori mondiali saranno puntati su Verona e sull’Opera, grazie a questa serata speciale promossa dal Ministero della Cultura. Un orgoglio per tutte le Fondazioni lirico-sinfoniche del nostro Paese».

Ad aprire la serata il Maestro Riccardo Muti, che eseguirà alcune delle pagine sinfoniche e corali più famose dell’opera lirica, che hanno contribuito ad ottenere questo riconoscimento.

La serata sarà trasmessa in mondovisione dalla RAI e sarà condotta da Alberto Angela, Cristiana Capotondi, Luca Zingaretti.

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Spettacolo, Spettacolo dal vivo

Più eventi (3,5 milioni, +15% sul 2022), più spettatori (quasi 265 milioni, +30% sul 2022), più luoghi di spettacolo (116.681, +14% sul 2022) e...

Arena Opera Festival, Festival di Sanremo

Il Coro dell'Arena di Verona ha aperto la terza serata della 74° edizione del Festival di Sanremo. Dopo l'esibizione l'annuncio di una Serata di...

Lirica, Opera

«Si tratta di una giornata storica non solo per il nostro Paese, ma per il mondo intero ed in particolare per il settore del...

Lirica, Musica

“Libiamo ne’ lieti calici”, direbbe Giuseppe Verdi. Le sue opere, così come quelle di tanti altri grandi compositori italiani, hanno portato a un riconoscimento...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.