Connect with us

Cosa stai cercando?

Fice

Venezia ride ma i cinema piangono

Tempo di lettura: 2 minuti


La Federazione Italiana Cinema d’Essai esorta alla mobilitazione tutto il mondo del cinema e i suoi protagonisti

“Mai come quest’anno stride la differenza di clima tra l’inaugurazione della 79^ Mostra cinematografica di Venezia e lo stato in cui versano le sale cinematografiche italiane.

Ancora sotto shock per gli oltre due anni di pandemia e per le restrizioni e chiusure – che sono state le più dure d‘Europa – ora si annunciano aumenti delle forniture energetiche che rischiano di portare alla chiusura buona parte dell’esercizio cinematografico.

Già oggi tante sale non hanno ancora riaperto, e molte funzionano con un numero ridotto di schermi. Colpa anche della mancanza di film che ha contraddistinto tutto il periodo estivo.

E così, mentre una campagna istituzionale in questi mesi invitava ad andare al cinema, di film nuovi da vedere non c’è n’erano e quasi tutte le sale erano chiuse.

In questo deserto hanno fatto eccezione esclusivamente alcuni blockbuster hollywoodiani. Il cinema italiano, nonostante un numero enorme di film prodotti e distribuiti, si attesta ad un misero 14% di presenze comprese le coproduzioni.

Va aggiunto che le presenze e gli incassi complessive di tutti i film del 2022 sono costantemente al di sotto del 50% dell’ultimo anno di riferimento.

Adesso l’esercizio d’essai si aspetta e si augura che la vetrina di Venezia, dove vi è una nutrita presenza di film italiani di qualità, possa rilanciare in modo significativo quel settore imprescindibile rappresentato dalle sale che propongono titoli d’autore.

Questo nonostante il fatto che l’apertura del Festival è stata appannaggio di Netflix, che si vede ulteriormente gratificata da uno dei festival più prestigiosi del mondo, e sappiamo destinare i propri film sulla propria piattaforma con passaggi in sala saltuari e secondari, dal momento che nel nostro Paese ancora persiste la mancanza di una norma sul distanziamento tra l’uscita in sala e quella in streaming.

Occorre dunque che una volta per tutte la politica e le Istituzioni decidano se le sale sono importanti per il tessuto culturale delle nostre città e dei nostri paesi.

Gli aiuti sono serviti giusto per limitare i danni maggiori, ma oggi ci vuole un piano davvero straordinario per far fronte a spese di gestione altrimenti insostenibili e nello stesso tempo iniziative che riportino il pubblico in sala. Questo sarà possibile solo mobilitando tutto il mondo del cinema e i suoi protagonisti mettendo al centro le sale”.

Domenico Dinoia – Presidente FICE – Federazione Italiana Cinema d’Essai

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Cinema, Fice

Tornatore, Avati e Gifuni tra gli ospiti,  “Gli spiriti dell’isola” e “Saint-Omer” tra le anteprime Presentata oggi la XXII edizione degli Incontri del Cinema...

Agis

Franco Oss Noser riconfermato alla Presidenza dell’Unione Interregionale Triveneta AGIS per il periodo 2022-2025 Si tratta del terzo mandato consecutivo alla guida dell’Associazione, che...

Aiam, Ministero della Cultura

Lucca 7 ottobre 2022 ore 10:00 Nel corso della XVIII edizione di “LuBeC Lucca Beni Culturali“, la due giorni di incontri tra pubblico e privato che ...

Musica

The “Y Playlist” di Antonio Pappano è dedicata agli under 35 Sempre pronta a nuove sfide al passo con i tempi, l’Accademia Nazionale di...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.