Connect with us

Cosa stai cercando?

Passione Teatro, Storie di Musica

LA VICENDA UMANA E ARTISTICA DEL MUSICISTA CHARLIE MINGUS AL KISMET

Tempo di lettura: 2 minuti

Un monologo liberamente ispirato alla vicenda umana e artistica del musicista nero americano Charlie Mingus in scena al Teatro Kismet di Bari. In Bastardo Acustico (produzione Associazione I negri) Antonio Campobasso accompagna Sabato 27 Novembre alle ore 21 e Domenica 28 Novembre alle ore 18 il pubblico in un solitario viaggio “a rischio” nella memoria inquieta e “pericolosamente” creativa del personaggio forse più “molesto” della storia del jazz.

Una partitura jazz, in cui Campobasso gioca con la parola, la lingua, la gestualità e lo spazio come fossero ciascuno lo strumento di una band, per il nuovo appuntamento della Stagione 2021.22 del Teatro Kismet, a cura di Teresa Ludovico.

“Bastardo acustico è un monologo liberamente ispirato alla vicenda umana e artistica del musicista nero americano Charlie Mingus” – afferma Antonio Campobasso.

Prosegue – Un solitario viaggio “a rischio” nella memoria inquieta e “pericolosamente” creativa del personaggio forse più “molesto” della storia del jazz. Quando alcuni anni fa ebbi l’intuizione di dare corpo e voce in un teatro di prosa alla figura di Mingus, mi fu subito chiaro che ciò che volevo “innescare” sulla scena era la sua indole umana e psicologica, i suoi umori, la sua trasgressione, il suo stato limite, e persino la sua violenza nella parola. La parola con i suoi ritmi, i suoi pretesti, le sue minacce… La sua maledizione. Il suo guaire. E questo perché sulla scena ci sono anch’io, con i miei fermenti, le mie ansie, la mia “dannata” necessità” di scavare nei silenzi urlati e marciti tra le mura del carcere e del manicomio“.

Conclude – “C’è poi l’aspetto “ludico” e concertistico della performance, quello del teatro inteso come azione ritmico-musicale. Partendo da una scrittura parallela, ma del tutto auto-noma rispetto alla mingusiana autobiografia “Beneath the underdog” ho concepito “Bastardo acustico” come una partitura jazz, giocando con la parola, la lingua, la gestualità e lo spazio come fossero ciascuno lo strumento di una band che insegue e si nutre di una melodia per trasgredirla alla prima occasione. Una drammaturgia “blasfema”, la mia, segnata da sfuriate verbali in dialetto triggianese e concitati passaggi musicali. C’è rabbia, resilienza, ironia…e un feroce, maligno desiderio di affilare un dissonante, irriverente teatro jazz a sud… molto più a sud del Teatro“.

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Teatro

Sui palcoscenici dei teatri italiani sono almeno due i Malati di Molière che stanno calcando le scene contemporaneamente. E proprio in Puglia s’incontreranno (?)...

la cultura per ricordare

É sempre più crescente la consapevolezzache divulgare le storture del mondoserva per evitare che ne succedano altre. Da 22 anni si celebra ufficialmente il...

Passione Teatro, Teatro

La scoperta della propria identità che ricalca un celebre poemetto di Shakespeare. Il racconto delle origini del più famoso ‘uomo della giungla’, eroe esotico...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.