Connect with us

Cosa stai cercando?

Agis, Cultura

Continua ad aumentare il valore dell’indotto generato dal mondo dello spettacolo

Tempo di lettura: 3 minuti

L’ultimo dato ha registrato che ogni euro speso ne ha generato 4,05 nell’economia

La cultura genera ricchezza e il suo mezzo più potente è lo spettacolo dal vivo. Ogni anno leggiamo dati che confermano quanto un evento culturale abbia generato ricchezza sul territorio in cui si è svolto, ogni anno viene confermata la teoria sull’alta redditività (diretta e di indotto) di ogni euro investito in cultura ad ogni livello.

Vasco Rossi a Trento

Sono stati resi noti nei giorni scorsi i dati che Nielsen, leader globale nella misurazione dei dati, ha analizzato relativamente alla “data zero del live 2022 di Vasco Rossi” che ha inaugurato il suo nuovo tour nella “Trentino Music Arena“.

Il concerto a Trento del 20 maggio scorso, ha generato un impatto economico di 43,6 milioni di euro.

La spesa media effettuata dagli spettatori nei giorni dell’evento è stata pari a circa 82 euro per ciascuno dei partecipanti al concerto del 20 maggio e della prova generale del giorno precedente. Un totale di circa 10,1-10,2 milioni di euro.

Il dato meramente matematico si eleva ancor di più considerando che, secondo il moltiplicatore dell’impatto economico che sottolinea come ogni euro speso ne abbia generato 4,05 nell’economia, anche il valore della visibilità mediatica ottenuta dal Trentino e dalla città di Trento durante il concerto è aumentato esponenzialmente.

Stando al report, un terzo dei partecipanti è risultato proveniente dalla provincia di Trento mentre le strutture turistiche trentine, gli alberghi fino a 3 stelle e i bed and breakfast, hanno accolto il 50% degli spettatori. Quasi la metà degli spettatori, il 42%, ha pernottato almeno una notte sul territorio: il 50% per cento una notte, il 40% due notti, l’8% tre notti e il 2% quattro o più notti.

Più che raddoppiato il valore dell’investimento culturale in soli 4 anni

Solo nel 2018 la “Misurazione dell’impatto socioeconomico che le sale cinematografiche e gli eventi culturali producono nell’economia dei territori”, ricerca a cura di AGIS, Impresa Cultura Italia – Confcommercio e Università IULM con la collaborazione dell’Istituto MAKNO, ha registrato che, tra spesa al botteghino, shopping, trasporti e pasti fuori è stata triplicata la spesa culturale di base fino a quell’anno: ogni euro in biglietti di ingresso ha generato (nel 2018) 2 euro di spese extra.

Sarà la voglia di riscatto e rinascita post pandemica, o la consapevolezza che il motore industriale della cultura possa farsi strada tra le altre peculiarità che il Paese esprime, il dato inconfutabile della ricchezza lasciata sui territori dagli eventi di spettacolo è acclarato dai dati e dalle continue e lungimiranti proposte culturali di qualità.

La cultura dovrebbe essere la prima impresa italiana

La cultura, a mio avviso, dovrebbe essere la prima impresa italiana: in una nazione di città d’arte, di borghi, di enogastronomia, la cultura è fortemente attrattiva.
… Purtroppo, per tanti anni la cultura è stata considerata una sorta di parente povera: forse perché noi italiani abbiamo talmente tanto da offrire che non ci siamo neppure preoccupati di promuoverlo, di fare marketing. Occorre fare cultura, sì. E occorre saperla diffondere, farla conoscere, renderla fruibile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è GLL.jpeg
Gian Luca Laurenzi

Così Gian Luca Laurenzi, presidente della Fondazione di Partecipazione Umbria Jazz in una recente intervista di Lina di Lembo per NdS.

“Nel 1967, quando nacque il Festival, nel paese c’erano un bar, un’osteria, un ristorante e una bottega di commestibili”

… Il turismo culturale è in forte espansione e porta a benefiche ricadute economiche, anche attraverso l’indotto. Per Verezzi, basta una semplice osservazione: nel 1967, quando nacque il Festival, nel paese c’erano un bar, un’osteria, un ristorante e una bottega di commestibili, mentre oltre mezzo secolo dopo (acquisito anche lo status di uno dei Borghi più belli d’Italia) tra B&B, pizzerie, ristoranti, bar, boutique e negozi gli esercizi commerciali sono saliti a una ventina. E molte abitazioni allora fatiscenti si sono trasformate adesso in alloggi da prima o seconda casa, affittati o venduti a prezzi non propriamente da borgata di periferia.

Stefano Delfino

Così Stefano Delfino, direttore artistico del Festival Teatrale di Borgio Verezzi, intervistato da Giusi Arimatea per NdS.

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Cinema, Fice

Tornatore, Avati e Gifuni tra gli ospiti,  “Gli spiriti dell’isola” e “Saint-Omer” tra le anteprime Presentata oggi la XXII edizione degli Incontri del Cinema...

Agis

Franco Oss Noser riconfermato alla Presidenza dell’Unione Interregionale Triveneta AGIS per il periodo 2022-2025 Si tratta del terzo mandato consecutivo alla guida dell’Associazione, che...

Aiam, Ministero della Cultura

Lucca 7 ottobre 2022 ore 10:00 Nel corso della XVIII edizione di “LuBeC Lucca Beni Culturali“, la due giorni di incontri tra pubblico e privato che ...

Musica

The “Y Playlist” di Antonio Pappano è dedicata agli under 35 Sempre pronta a nuove sfide al passo con i tempi, l’Accademia Nazionale di...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.