Connect with us

Cosa stai cercando?

Festival di Sanremo 2022

Perché Sanremo è Sanremo?

Tempo di lettura: 2 minuti

A scanso di suspense, partiamo dalla risposta.

“Ai posteri l’ardua sentenza”.

È difficile spiegare a chi non abbia già dai primi vagiti familiarizzato col Festival della canzone italiana l’importanza, anche solo mediatica, che la kermesse sanremese riveste nel Bel Paese.

Sanremo è l’icona del Made in Italy: bel canto, moda, stile, arte. Talvolta kitsch: ma anche il kitsch può essere arte.

Sanremo è lo spirito del tempo, lo Zeitgeist. Nelle canzonette risuona la storia d’Italia: il boom economico dei ’60, la guerra fredda, gli anni di piombo, il riflusso degli ’80 e via cantando. Nelle performance, la storia del costume.

Sanremo è il contraltare televisivo della relatività ristretta di Einstein: spazio e tempo sono relativi. Sanremo è lo spaziotempo di Minkowski.

A primo impatto, Sanremo è anacronistico, in un ritardo ontologico. Il rap esiste da 20 anni prima di sbarcare nella kermesse: e si presenta come una novità. Il rock, idem. Eppure, Sanremo è l’etichetta DOC della musica italiana. Imbottiglia ciò che il Paese produce e lo immette sul mercato dopo adeguato invecchiamento (o maturazione, ḉa va sans dire).

Sanremo lancia tendenze, nella musica, nella moda, anche nei modi di dire. Sanremo è sempre in voga. Sanremo è avanguardia in delay.

Sanremo è sineddoche d’Italia: l’Italia in magniloquente miniatura. Melodia e alta moda, polemiche da bettola e glamour da copertina, artigianato d’autore e arte di arrangiarsi, istituzionalità e tarallucci e vino.  Sanremo è trash, ma anche trés chic. È colto, ma anche cool. È internazionale restando nazionalpopolare. È commistione postmoderna di alto e basso. È la farfallina di Belen, ma anche il farfallino di Beppe Vessicchio.

Sanremo è distrazione di massa, Sanremo è massima allerta. Ogni passo in passerella, ogni parola pronunciata, ogni gesto, volontario o involontario, sono passati al setaccio da orde di giornalisti, commentatori, opinionisti. Sanremo è apoteosi semiotica.

Sanremo è fenomeno di costume, fenomeno sociale, fenomeno culturale. Trend topic d’ufficio.

Sanremo patenta gli intellettuali che non lo guardano, per poi sbugiardarli.

Sanremo legittima i critici che lo guardano per criticarlo, disinnescandoli.

Sanremo fomenta i fan, fanatizzandoli.

Sanremo è ingessato: quindi è anticonformista per conformazione.

Sanremo un po’ ci è, un po’ ci fa.

Per questo piace un po’ a tutti, anche a quelli a cui non piace. Probabilmente anche ai posteri.

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Festival di Sanremo 2022

Calato anche quest’anno il sipario sul Festival della canzone italiana è giunto il momento dei bilanci, ci si interroga come di consueto sulla effettiva...

Festival di Sanremo 2022

É finito Sanremo, evviva Sanremo. Il Festival della canzone italiana ieri sera ha scritto il suo ultimo capitolo decretando la vittoria, quasi annunciata sin...

Festival di Sanremo 2022

Da sempre,la serata delle cover propostadal Festival di Sanremoè tutto questo. Un momento in cui i cantanti in gara decidono di affrontare, razionalmente o...

Festival di Sanremo 2022

Mahmood e Blancoriconquistano il primo posto.Il Gianni nazionale sale sul podio. Dopo due serate del Festival di Sanremo, un male oscuro avrà colpito gli...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.