Connect with us

Cosa stai cercando?

al cinema con tre euro
al cinema con tre euro

Cinema

Il Veneto ti porta al cinema con tre euro

Tempo di lettura: 2 minuti

Una Regione, sette città, trentuno grandi schermi, quindici anni di edizioni e tre euro per entrare al cinema: torna anche nel 2024 la possibilità per gli spettatori di recarsi nelle sale cinematografiche per assistere a proiezioni a costo ridotto di opere in prima visione o provenienti dai più prestigiosi festival internazionali, guidati nella visione dalle introduzioni di critici cinematografici e docenti universitari.

Ripartono, infatti, martedì 5 marzo nelle province di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza, gli appuntamenti con “La Regione del Veneto per il cinema di qualità – La Regione ti porta al cinema con tre euro – I martedì al cinema”, progetto pluriennale della Regione del Veneto realizzato in collaborazione con la Federazione Italiana Cinema d’Essai (FICE) delle Tre Venezie e l’Unione interregionale Triveneta AGIS.

Forte del successo crescente che ha accompagnato in questi quindici anni l’iniziativa con un numero sempre maggiore di sale aderenti e di partecipazione di pubblico, anche quest’anno tutti i martedì dei mesi di marzo, maggio e novembre, si potranno apprezzare su grande schermo e al costo ridotto di soli 3 euro, opere di qualità provenienti, dalla notte degli Oscar, dal Festival di Cannes, Berlino e dalla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, nonché le novità cinematografiche autunnali.

«Obiettivo dell’iniziativa – dichiara Cristiano Corazzari Assessore alla Cultura della Regione del Venetoè non solo quello di consolidare la diffusione della cultura cinematografica e del piacere di andare al cinema da parte del pubblico, ma anche valorizzare quelle opere filmiche che, in qualche modo, vengono escluse dalla grande distribuzione, nonché incentivare l’abitudine alla fruizione del prodotto filmico delle sale di prossimità».

«Il ritorno de “I Martedì al Cinema” – commenta Franco Oss Noser, Presidente dell’Unione Interregionale Triveneta AGISrende manifesta la presa d’atto da parte della Regione del Veneto che l’attività cinematografica ha un valore fortemente sociale ed economico e, anche in quanto tale, va incentivata in tutti i modi possibili».

«I dati di mercato sono incoraggianti – commenta Giuliana Fantoni, Presidente della FICE del TrivenetoOltre a segnalare un riavvicinamento alle sale, ci raccontano di un pubblico curioso e attratto dalla varietà dei generi cinematografici, come dimostrano i successi dei film di animazione, i biopic, le commedie romantiche, i film drammatici. Generi che pur diversi hanno avuto un grande appeal sugli avventori. Avvertiamo l’attesa da parte del pubblico dell’ormai tradizionale appuntamento con le proiezioni cinematografiche a tre euro, che sono convinta contribuiranno a sostenere il trend di crescita, grazie anche all’ottima qualità dei film in sala, molti dei quali in concorso agli Oscar».

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Cinema

Ammonta a 696 milioni di euro il Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e nell’audiovisivo per il 2024, che ripartisce le risorse...

Cinema

È forse la prima volta che 23 sigle rappresentanti migliaia di professionisti dell’audiovisivo si riuniscono per fornire una visione unica e una proposta ad...

Anec, Cinema

Dal 20 febbraio al 5 marzo una campagna promossa dalla LICE, Fondazione LICE e ANEC per sensibilizzare i ragazzi sul tema dell’Epilessia

Cinema

Si apre sotto un cielo grigio il Festival di Berlino, uno dei più importanti appuntamenti cinematografici europei e del mondo. Non sono solo le...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.