Connect with us

Cosa stai cercando?

Festival

Operaestate Festival 42: tra grande classica e inedite connessioni

Tempo di lettura: 3 minuti

In scena oltre 100 appuntamenti in 3 mesi, a Bassano del Grappa e in 25 Comuni della Pedemontana Veneta

Operaestate entra nel triennio 2022-2024 investigando il tema delle Relazioni umane, con il patrimonio artistico e anche con l’ambiente. È questo il fil rouge che attraversa il programma, mettendo in dialogo le diverse discipline, senza dimenticare i numerosi anniversari del 2022 da Canova a Meneghello, da Pasolini a Zanzotto.

Dall’8 luglio al 25 settembre a Bassano del Grappa e nelle città Palcoscenico

Operaestate Festival nasce oltre 40 anni fa come stagione lirica e mantiene in tutta la sua lunga storia il legame con la grande opera, continuando, con tenacia e perseveranza, a promuoverne il linguaggio.

Relazioni

Una parola guida per raccogliere visioni, sfide e tematiche che il festival, lo staff e gli artisti, decidono di portare sulla scena lungo tutta l’estate, esplorando insieme al pubblico nuovo e a quello affezionato, nuovi territori (fisici e immaginari).

Una parola che mette insieme la storia del festival, fatta di legami e di relazioni che nascono con il tempo, e l’attenzione degli ultimi anni che il Festival dedica alle relazioni con il patrimonio culturale, l’ambiente e il benessere individuale e collettivo. 

La Musica apre il Festival

Una grande festa lungo il fiume Brenta con due celebri suite di Haendel: Musica sull’acqua e Musica per i reali fuochi d’artificio con l’Orchestra di Padova e del Veneto accompagnata, a tempo di musica, da spettacolari giochi pirotecnici lanciati da piattaforme sul fiume ad illuminare la bellezza del Ponte palladiano, appena restaurato (11/7).

E se l’apertura dà il via ad una programmazione rivolta alla grande tradizione classica, non manca una finestra sulla nuova musica: come il progetto Spiralis Aurea, una riflessione tra umanità e natura, del chitarrista e compositore elettroacustico Stefano Pilia, con i chitarristi Adrian Utley (già membro dei Portishead, e al fianco di artisti come Jeff Beck, Patti Smith, Massive Attack) e l’italiana Alessandra Novaga, con i violoncellisti Giuseppe Franchellucci e Mattia Cipolli, tutti interessati alla pratica della sperimentazione compositiva nella musica contemporanea ed elettronica (15/7).

In chiusura invece, il jazz del Saverio Tasca Vibes Trioa Nove (7/9) con il Progetto Amos Alfredson, (alter ego cosmopolita di Tasca) a cui il trio si ispira per un jazz che incorpori tradizioni musicali, compositive ed espressive di tanta musica occidentale, classica ed etnica.

Connessione inedita quella tra Bach e Pasolini (2/8) omaggiato dal violoncellista Mario Brunello insieme al musicologo Guido Barbieri, storica voce di Radio3, che presenterà il saggio scritto da un giovanissimo Pasolini proprio sul grande compositore tedesco.

Giovani talenti

Si rinnova anche il programma Giovani Talenti, che riunisce giovani musicisti accompagnati al festival da un altro artista giovanissimo e già celebrato fra i migliori violinisti a livello internazionale, Giovanni Andrea Zanon.

Classica e jazz

Classica dunque ma anche jazz e nuove sonorità contemporanee anche per il progetto Terre Graffiate, con i concerti ambientati nei maestosi scenari del Monte Grappa, proclamato nel 2021 Riserva della Biosfera MAB UNESCO, con concerti nel verde, e passeggiate musicali che si snodano tra i luoghi del Grappa segnati dalla Grande Guerra. Un viaggio nella natura, in dieci appuntamenti ambientati in altrettanti scenari naturali, con protagoniste formazioni di classica e di jazz e giovani talenti della nostra scena musicale.

Programma completo

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.