Connect with us

Cosa stai cercando?

Musica, Rockstory

Linkin Park tra sociologia del rock e del tempo

Tempo di lettura: 2 minuti

Quarto capitolo della rubrica Rockstory
Sociologia del Rock

A volte ci sono delle band rock che ascoltandoli e alzando il volume delle cuffiette,  ti immergi nelle visioni cinematografiche dei video clip. Ti lasciano nell’oblio del pensiero, della riflessione, della contemplazione.

È il caso dei Linkin Park.

Non è solo una rock band “graffiante” stretta dal  “macrocosmo” della vocalità di Chester Bennington e dal sound dei suoi “future-componenti”. C’è altro. Altro diverso da noi.

I Linkin Park hanno inciso sul futuro immediato della società rispetto alle sfide che ci attendono. Una sociologia del tempo e anche della possibile riparazione. Nei loro testi, preghiere per un nuovo Mondo, mentre non ci accorgiamo di quello che l’Umanità ha recato al Pianeta. Sono le note di “I’ve done”. 

Elaborazione di sentieri della mente che impattano sul nostro agire sociale dai profondi “sotterranei dell’anima” per dirla alla Aldo Carotenuto.  “In questo addio, non c’è sangue, non c’è un alibi, perché ho disegnato un rimpianto, dalla verità, di mille bugie. Lascio che arrivi la pietà e lava via tutto. Cosa ho fatto?” . Testo implacabile rispetto all’opera nefasta del genere umano rispetto ai cambiamenti climatici.  Ma nell’inconscio dei Linkin Park si muove l’infrastruttura del superamento di un’era. 

“Epoca di cambiamenti non cambiamento di un epoca” come ci ricorda Papa Francesco. Ecco allora sorge l’energia e la forza dirompente di “New Divide” . “E finalmente ottengo cio’ che merito, allora dammi ragione per dimostrare che ho torto, per cancellare questi ricordi, lascia che le piene attraversino la distanza nei tuoi occhi, dammi una ragione per riempiere questo vuoto. Connettere lo spazio in mezzo, fa che sia abbastanza per raggiungere la verità che mente attraverso questo divario”.

Testi e arrangiamenti post hard rock  che  riportano al Nuovo Mondo che sta per “ri-sorgere”, dopo la pandemia, la guerra, la crisi energetica, cioè un’Umanità  colma di  dignità e di rispetto per le  persone contro ogni disuguaglianza sociale.


La Rubrica RockStory a cura di Antonio Derinaldis, è un’approfondimento di carattere scientifico e di lettura del nostro tempo su come testi, arrangiamenti, note musicali del rock nelle sue diverse dimensioni, hanno influenzato il costume e la società moderna, creando una vera e propria sociologia del pensiero rock. 

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Festival

Si ispira a un passaggio della Genesi il titolo della 35a edizione del Ravenna Festival: “E fu sera e fu mattina”. Una metafora che nel...

Teatro, Tecnologia e spettacolo

Inclusione e valorizzazione delle diversità: sono questi i due i fili che intrecciano la trama del progetto “Io sono te – metodologia per un teatro di...

Aidaf, Danza

Si intitola “All Beats to Dance” il tema scelto per questa edizione di Danza in Fiera 2024, che si svolgerà a Fortezza da Basso a Firenze,...

Festival, Musica

Tre pianisti, un violinista, una violoncellista e un fisarmonicista. Si chiamano Gennaro Cardaropoli, Alberto Ferro, Emanuela Mosa, Simone Sgarbanti, Tommaso Boggian e Lorenzo Albanese i sei protagonisti dell’edizione del “Festival Giovani...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.