FestivalMultidisciplinareNewsStorie di ResilienzaTeatro

FANTASIA E UTOPIA COLTIVATE (E RACCOLTE) AL SANTARCANGELO FESTIVAL

0
Tempo di lettura: 7 minuti

Dall’8 al 18 luglio, l’edizione 2021 è in realtà l’atto finale di un programma che dura da un anno e che, a causa della pandemia, ha dovuto subire molte metamorfosi, adattandosi di volta in volta alle restrizioni e alle opportunità. Il Santarcangelo Festival si è reinventato e ricalibrato più volte, ma sempre sotto il segno dell’ascolto, della cura, della libertà, della sostenibilità e dell’interdipendenza.

E’ un festival che invita, con le parole di Matteo Meschiari, a fuggire dalla tirannia dell’adesso-qui, a criticarla, a rovesciarla. […] Una persona, un gruppo, un popolo senza immaginazione è vittima di chi controlla le immagini al posto suo. Per questo immaginare significa soprattutto fare politica.

Il Santarcangelo Festival aveva deciso da tempo che FUTURO FANTASTICO (il titolo di un breve racconto che Isaac Asimov scrisse nel 1990 prefigurando – ottimisticamente – i giorni nostri) sarebbe stato il claim di questa “far-out” edizione, che guarda ai cinquant’anni trascorsi per immaginare il 2050.
Poi è arrivata la pandemia a rendere ancora più infetti i pallidi tentativi di prefigurare futuri migliori.

Dopo il debito smarrimento e infiniti ripensamenti sui colori, le striature, le derive semantiche in cui immergere l’edizione 2020 – che inevitabilmente, date le incertezze attuali, ha avuto una nuova veste d’emergenza – i curatori del festival hanno deciso che avrebbero continuato a usare il termine FUTURO FANTASTICO.

Perché proprio ora rinunciare ai rilanci fantastici e alle visioni utopiche?

Questo il programma dal 13 al 15 settembre, ben 19 proposte per tre giorni intensi, buona immaginazione.

CALL MONICA 13 – 14 luglio
Call Monica
Dietro a ogni sguardo c’è sempre un autore incarnato, una collocazione precisa nella gerarchia dei poteri e dei privilegi. Call Monica vuole sfidare e sconvolgere per un breve momento un campo dell’esperienza quotidiana che viene dato per scontato: un’indagine sullo sguardo come costruzione culturale e vettore di potere. 

CHERISH MENZO 13 – 14 luglio
Jezebel
Jezebel è una performance ispirata alla figura delle video vixen, le modelle iper-sensuali protagoniste dei video delle canzoni hip-hop di fine anni ’90 e inizio anni 2000. Definite le “poco di buono” dell’epoca, hanno allo stesso tempo beneficiato e sofferto di questa condizione, arrivando a rappresentare molto più di un modello a disposizione della cultura dominante.

GLORIA DORLIGUZZO 13 – 14 luglio
Folk Tales
Folk Tales allestisce un campo di battaglia e meditazione sugli opposti e sul conflitto. Un incontro con l’alterità in cui i confini vengono ridefiniti e messi in crisi. Ma il duello, qui, non assume l’intento di stabilire la superiorità di un potere sull’altro, bensì di sondare come dinamiche e regole interne diano vita a diverse forme e combinazioni.

aggiunta replica straordinaria: 13 luglio ore 21.00

LEONARDO SCHIFINO 13 – 14 luglio
rovìnati
In uno spazio convivono corpi, oggetti, affetti. Mucchi di rovine, di oggetti abbandonati, come parte di un processo ecologico. Gli oggetti insieme ai corpi s’incontrano producendo architetture variabili: gli affetti si manifestano tra i corpi e gli oggetti, modificandone le possibilità; i corpi e le cose si lasciano, tracciando ulteriori scritture.

LET’S REVOLUTION! / TEATRO PATALÒ 13 – 15 luglio
Esercizi di vita all’aria aperta
Il mondo è caduto a pezzi, quello che resta è la tenacia dei sopravvissuti e il loro legame. Una collaborazione attiva tra i corpi e le voci dei partecipanti e gli sguardi degli astanti. Il lavoro parla della bellezza del movimento, della costituzione di un mondo parallelo al quale si possa finalmente appartenere. Parla del coraggio di lasciarsi guardare al di là del velo dell’apparenza. 

CINEMA DU DESERT 13 – 15 luglio
Cinema Solare Itinerante
Il Cinema Solare Itinerante creato da Davide Bortot e Francesca Truzzi ha viaggiato per tre diversi continenti portando il cinema nei villaggi più remoti del pianeta, dalla Mongolia alla Costa d’Avorio, dalla Romania al Burkina Faso. Arriverà a Santarcangelo in occasione del Festival e regalerà al pubblico quattro serate di proiezioni, alimentate dall’energia del sole. 

CINEMA DU DESERT: HAYAO MIYAZAKI 13 luglio
Nausicaä della Valle del vento
Capolavoro del cinema d’animazione, è l’opera che dà inizio all’epopea dello Studio Ghibli: un fantasy epico ed ecologista basato sui primi sedici capitoli del manga omonimo. Uscito nel 1984, è ambientato in un mondo distopico post-apocalittico e racconta la storia di Nausicaä, principessa della Valle del vento, in lotta contro Tolmekia, un regno che con un’antica arma vuole distruggere la giungla tossica. 

ZAPRUDER 13 luglio
Zeus Machine. L’invincibile
Zeus Machine racconta la storia di Ercole in dodici episodi. L’eroe greco compare in luoghi inaspettati: distributori di benzina, rotonde, palazzetti dello sport, magazzini di sculture, festival musicali…

INCONTRO 14 luglio
Wintering: come resistere alla glaciazione del Fus (e altri dinosauri)
Incontro con tutti i gruppi della sezione Begin Anywhere coordinato da Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande che si confronteranno – con forme e modalità poetico/politiche diverse – sulla domanda: cosa significa oggi intraprendere percorsi di creazione indipendenti e fuori dai recinti? 

PANKAJ TIWARI 14 – 18 luglio
Banyan
Banyan è il nome di un grande albero, le cui radici s’insinuano in profondità nella terra. I suoi semi vagano e talvolta si posano all’interno di vecchi edifici, dove crescono con forza, spaccando il cemento. Come Banyan, Pankaj Tiwari usa una tenda, che trasforma e rimodella la sua immagine. 

CINEMA DU DESERT: AFROFUTURISTIK / SUDU CONNEXION 14 luglio
Afrofuturistik
Quartiers Lointains è una rassegna di cortometraggi itineranti che, dal 2013, circola in Francia, Stati Uniti e diversi Paesi africani. Può l’Africa proiettarsi nel futuro? Può raccontare le proprie storie in modi più sperimentali e insoliti di quanto non abbiano fatto finora le immagini umanitarie e cinematografiche che parlano di difficoltà e sofferenza? 

EMMA NOLDE 14 luglio
Concerto
Emma Nolde è una cantautrice toscana. Nata nel 2000, ha iniziato a scrivere brani originali in inglese all’età di 15 anni, per poi passare all’italiano e intraprendere, nell’ultimo anno, un lavoro mirato alla realizzazione del suo primo progetto insieme a Renato D’Amico e ad Andrea Pachetti. L’esito è un album di otto inediti, Toccaterra, otto racconti di viaggi interiori, un inno alla scoperta in cui le parole contano tanto quanto il raffinato intreccio musicale, con arrangiamenti che spaziano dall’acustica all’elettronica.

MUTA IMAGO 14 – 15 luglio
Sonora Desert
Sonora Desert è un viaggio immaginario, un’esperienza percettiva – tra installazione, concerto e performance sonora – che invita i visitatori ad esplorare una dimensione liminale del sé, muovendosi tra ricordi personali, memoria inconscia e immagini archetipiche, in dialogo con le musiche appositamente composte da Alvin Curran.

BALLA CON NOI / LE SIRENE DANZANTI
15 luglio
Liscio in Piazza
In omaggio a Raoul Casadei, Santarcangelo Festival dedica quattro serate al liscio, il ballo di Romagna. Due scuole di ballo racconteranno attraverso le esibizioni dei propri alunni – dai bambini ai professionisti – la storia del liscio e dei suoi protagonisti.

GHOST 15 luglio
GHOST x Santarcangelo
GHOST è una giostra di musica, arti visive, fotografia, poesia, che va in scena più volte all’anno in diverse città e in luoghi fuori dal comune: chiese, cantine, boschi, cave. A Santarcangelo il luogo prescelto non poteva che essere Mutonia, con il suo scenario dall’atmosfera post apocalittica alla Mad Max. In arrivo dal Belgio con un bus carico di artisti locali: una mescolanza di generi italo-belga che prenderà vita con uno speciale carosello di brevi spettacoli sparsi per Mutonia.

NOVA MELANCHOLIA 15 luglio
Immagina un paesaggio eroico
Più di cent’anni fa, la rivoluzionaria marxista Rosa Luxemburg veniva assassinata dalle milizie di destra Freikorps a Berlino. Nova Melancholia dedica un tributo a una rivoluzione perduta e a una personalità alla quale ancora oggi ispirarsi.

SOCIETAS. ROMEO CASTELLUCCI 15 luglio
Il Terzo Reich
Il Terzo Reich è l’immagine di una comunicazione inculcata e obbligatoria, dove la parola esaurisce interi ambiti di realtà, là dove i nomi appaiono uguali nella loro serialità meccanica. Il frenetico susseguirsi dei vocaboli fa sì che alcuni di essi rimangano impressi nella corteccia visiva; altri – la maggioranza – andranno persi. Lo spettatore, esposto a questo trattamento, subisce la parola umana sotto l’aspetto della quantità. Non il cosa, ma il quanto. Il nucleo del linguaggio ritorna al rumore bianco, che riporta al caos.

PAOLA STELLA MINNI / KONSTANTINOS RIZOS 15 luglio
PA.KO doble
PA.KO doble è un passo a due, un gioco di parole e un sorriso autoironico che Paola Stella Minni e Konstantinos Rizos rivolgono al loro processo di collaborazione artistica. Una danza disegnata a partire da un archivio di gesti, intuizioni e materiali al di fuori delle logiche produttive, scaturiti dal semplice fatto di vivere assieme lunghe durate, desideri, linguaggi.

CINEMA DU DESERT: NICOLÒ BONGIORNO 15 luglio
Songs of the Water Spirits
Il Ladakh è una regione dell’India in profonda trasformazione che sta affrontando un percorso di rigenerazione culturale costantemente in bilico tra il richiamo di una tradizione arcana e uno sviluppo rampante, che mette a rischio l’ambiente e snatura i suoi abitanti. Menti coraggiose vogliono superare questo dualismo proponendo una mediazione virtuosa per restare se stessi senza chiudersi al mondo, valorizzando gli stimoli di una modernità che non implichi una mutazione antropologica.

Luigi Colella
Dal 2014 collaboro con Italiafestival, l'associazione dei festival italiani. Ho collaborato per diverse testate giornalistiche scrivendo di attualità, sport e cultura.

SIGLATO ACCORDO TRA AGIS E PANASONIC

Articolo precedente

AL PICCOLO TEATRO DI MILANO – TEATRO D’EUROPA “UN ANNO DI INIZIATIVE PER GIORGIO STREHLER”

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Festival