Connect with us

Cosa stai cercando?

Riccardo Muti - Foto di Silvia Lelli

Musica

Riccardo Muti: «Nel ricordo tragico delle vittime dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Nel pensiero dolcissimo di Maurizio Pollini»

Tempo di lettura: 2 minuti

«La musica non descrive, evoca. La musica dovrebbe far pensare, perché è portatrice di pace. Ma il mondo non vuole ascoltare questa parola e insegue la guerra». Un appello, quello di Riccardo Muti, che è risuonato ieri sera nella sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, prima di eseguire il Concerto in occasione dell’80° anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Con lui l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, fondata dal maestro nel 2004. Ai suoi musicisti, Muti ha significativamente scelto di affiancare alcuni strumentisti della Banda dell’Arma dei Carabinieri, nel ricordo degli appartenenti all’Arma che nella strage del 1944 pagarono con la vita un pesante tributo.

80 anni dopo, nel giorno esatto della tragedia dell’eccidio, il maestro è stato chiamato sul podio per dirigere per la prima volta in Italia la Sinfonia n.9, intitolata “Le Fosse Ardeatine”, di William Schuman. Un titolo volutamente scritto in italiano «così, ogni volta che verrà eseguita, il pubblico ricorderà» scrisse il compositore statunitense di origini ebraiche, dopo la visita alle Fosse Ardeatine nel 1967. A completare il programma la Sinfonia n.8, “Incompiuta”di Franz Schubert.

«Il titolo è in italiano, ‘Fosse Ardeatine’ perché non poteva tradurlo, è impossibile tradurre il significato di ‘fossa’, non ha lo stesso impatto» ha spiegato Riccardo Muti prima di cominciare il concerto. «La Sinfonia n.9 di William Schuman esprime uno stato d’animo drammatico per una tragedia terrificante, incomprensibile a mente d’uomo. Nelle varie celebrazioni e ricordi che dell’eccidio abbiamo negli anni fatto non ne diminuisce il significato ma in qualche modo la tensione si allenta. Quando però ero a Chicago ed ho ricevuto questa partitura, scritta dal premio Pulitzer per la musica, ho sentito tutta la ribellione per tale crudeltà e subito l’ho voluta eseguire».

La serata, organizzata dalla Fondazione Luigi Cherubini, è stata promossa con il contributo della Struttura di missione anniversari nazionali ed eventi sportivi nazionali e internazionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il patrocinio del Ministero della Cultura, del Comune di Roma e della Comunità Ebraica di Roma, il concerto, a ingresso gratuito, è organizzato in collaborazione con ANFIM – Associazione Nazionale Famiglie Italiane Martiri, Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Ravenna Festival.

Poco prima di inaugurare la serata, Riccardo Muti ha raccolto la platea dell’Auditorium in un minuto di silenzio «Nel ricordo tragico delle vittime dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Nel pensiero dolcissimo di Maurizio Pollini: uno dei giganti della musica».

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

European Festivals Association, ItaliaFestival

Francesco Maria Perrotta è stato eletto Vicepresidente di EFA – European Festivals Association, l’associazione dei festival europei. L’elezione di Perrotta è un riconoscimento del suo impegno e...

Musica

Nella cornice del Teatro Pergolesi di Jesi sono cominciate, sabato 16 marzo, le celebrazioni del 250° anniversario della nascita di Gaspare Spontini. Musicista e...

Festival

Si ispira a un passaggio della Genesi il titolo della 35a edizione del Ravenna Festival: “E fu sera e fu mattina”. Una metafora che nel...

Festival, Musica

Diciassette km separano Jesi da Maiolati Spontini, due comuni marchigiani nella provincia di Ancona che nel Settecento sono stati la patria di due grandi...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.