Connect with us

Cosa stai cercando?

Foto di Danilo Rossi

Teatro

Teatroterapia: quando recitare fa bene alla psiche

Tempo di lettura: 3 minuti

I teatri sono luoghi di aggregazione, dove si condividono esperienze ed emozioni. Ci fa sorridere, ci fa riflettere, ci fa sognare. In alcuni casi, può anche essere uno strumento terapeutico di benessere, sia per il singolo individuo che per l’intera collettività. Come nel caso della teatroterapia.

In occasione della 61ima edizione della Giornata Mondiale del Teatro, istituita dall’International Theatre Institute il 27 Marzo 1962, celebriamo il teatro in tutte le sue forme e dimensioni, sottolineando come l’arte del teatro sia uno strumento e un mezzo di espressione universale e a disposizione di tutti.

Ce lo spiega la dottoressa Ilaria Vergine, psicoterapeuta specializzata in analisi bioenergetica, che da anni segue e cura diversi progetti teatrali assieme a soggetti affetti da disagio psichico. Il suo lavoro trova proprio nel teatro uno strumento fondamentale per aiutare queste persone a sviluppare una connessione più profonda e consapevole con loro stessi, con le altre persone e con la realtà che li circonda.

Il teatro viene unito allo strumento della bioenergetica, che permette di lavorare sul corpo e di promuovere una consapevolezza corporea con gli esercizi proposti”, spiega la dottoressa, curatrice di ‘Bioenergetica e teatro‘. “Il suo punto di forza è la possibilità di utilizzare il teatro nella sua primaria forma di creatività. In questo modo esso si trasforma, diventando uno strumento che permette di essere applicato non solo in ambito educativo e sociale, ma anche terapeutico”.

Gruppo Teatrale: Bioenergetica e Teatro

Così, attraverso la creatività e il pieno sviluppo della consapevolezza della propria persona, la teatroterapia è in grado di aiutare la persona affetta da disabilità a recuperare quello che è il piacere e le risorse del gioco.

L’obiettivo, aggiunge Ilaria Vergine, è quello di “costruire un equilibrio emotivo-relazionale che si basi sul rispetto, sulla cooperazione e sulla tolleranza. Utilizzare questo strumento creativo per creare le basi della fiducia verso sé stessi, dell’intimità e della collaborazione con gli altri. E questo va ad agire sulla crescita della persona, in termini di autostima e di capacità ci comunicare e di relazionarsi con gli altri”.

Legando la crescita alla dimensione creativa e al gioco, tutto quello che invece viene associato a una malattia e a un contesto di ruolo e di stigma viene meno, sia tra attore e pubblico, che tra attori stessi.

Ed è anche un modo per sensibilizzare lo spettatore, che non conosce queste realtà, sui loro problemi e difficolta, ma anche sui loro punti di forza e sui traguardi che sono in grado di conquistare.

È una realtà che non fa bene solamente alla persona, al disabile psichico, ma fa bene al teatro stesso”, afferma il regista Dario D’Ambrosi, che con la sua AssociazioneTeatro Patologico” dal 1992 si occupa di trovare un contatto tra il teatro e un ambiente dove si lavora sulla malattia mentale, dove girano ragazzi con gravi problemi psichici.

Teatro Patologico – foto di Federica Di Benedetto

Quando assiste ai nostri spettacoli il pubblico riconosce che non c’è niente di impostato. Anzi, è proprio la grande espressività emotiva autentica di queste persone ad essere il vero punto di forza”.

L’elemento di diversità in questo contesto viene dissociato dalla sua accezione negativa, declinandosi nella teatroterapia come un elemento caratterizzante della persona affetta da una disabilità psicofisica, che attraverso lo spettacolo e il teatro diventa un fattore di unicità e di manifestazione della persona.

La loro diversità, il loro handicap non è una debolezza ma è una forza a livello teatrale, perché il teatro ti dà la forza di esprimere ogni tipo di emozione” spiega D’Ambrosi. “Loro in qualche modo capiscono attraverso dei personaggi teatrali come gestire le loro paure, le loro patologie e le loro difficoltà. Loro pensano di interpretare un ruolo, da Ricardo III all’Amleto, ma loro in realtà stanno interpretando le loro angosce e le loro violenze. E questa è la forza del teatro”.

Scritto da

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Lirica, Musica

Compie sessant’anni quest’anno il Concorso Internazionale Voci Verdiane. Un’iniziativa nata proprio nel paese originario di Giuseppe Verdi, indetta dal Comune di Busseto, realizzata con il patrocinio...

Cinema, Fice

Giuliana Fantoni è la nuova Presidente della FICE – Federazione Italiana Cinema D’essai per il triennio 2024-2027. L’elezione è avvenuta oggi a Roma per...

Musica

C’è anche Riccardo Muti tra i direttori d’orchestra che quest’anno omaggeranno Giacomo Puccini, nell’anno del centenario della morte. Si intitola “Puccini secondo Muti” il...

Cultura, Danza

La Chiesa di Sant’Agata e il Teatro romano di Spoleto, il Castello di Racconigi, Villa Pisani, Certosa di San Martino, Castello Svevo di Bari,...

Copyright © 2022 Le foto presenti su Notizie di Spettacolo sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. L'editore è a disposizione per la eventuale rimozione di foto coperte da copyright. Il periodico on line “Notizie di Spettacolo” è stato registrato presso il registro dell'Ufficio Stampa con il numero 66/2022 con firma del decreto del Presidente di Sezione del 10 maggio 2022.