Non solo spettacolo

ARTISTA? CAMBIA MESTIERE. LO CHIEDE IL GOVERNO INGLESE

1
Tempo di lettura: < 1 minuto

Non è una fake news, né la scena di un film comico. Il Governo del Regno Unito, guidato da Boris Johnson è arrivato al punto di lanciare una nuova campagna mediatica che suggerisce a musicisti, attori, ballerini e
altri artisti di ogni tipo di provare a lanciarsi in una nuova carriera (in Italia verrà ascoltato il settore?), a cercare un nuovo lavoro. Gli artisti, per il governo inglese, insomma, devono fare altro e contano veramente poco. Sono stati quasi
nulli gli aiuti al mondo dello spettacolo dall’inizio della pandemia. La campagna sostenuta dal governo mostra “Fatima”, una ballerina, che si allaccia le scarpette da danza accompagnate dallo slogan:
“Il prossimo lavoro di Fatima potrebbe essere sul web. Lei non lo sa ancora”. Nonostante molti artisti siano alimentati semplicemente dalla passione e dall’amore per il loro mestiere, questa non può essere sufficiente senza una valida compensazione finanziaria che li aiuti a coprire i costi base della vita, ad andare avanti in attesa di tempi migliori. I musicisti, i creativi e il personale del settore aspettano con grande trepidazione questo intervento che, molto probabilmente, non arriverà. Questa nuova campagna promozionale, infatti, si aspetta che gli artisti semplicemente rinuncino alle passioni di una vita intera che, con fatica, studio e dedizione, hanno trasformato nel loro lavoro, per trovare la stessa soddisfazione emotiva e sicurezza finanziaria altrove. Con un nuovo lavoro, una nuova carriera. Per Boris Johnson ed il suo governo, quindi, i lavoratori dello spettacolo, sono semplicemente dei sognatori. Con la cultura non si mangia. L’unica considerazione finale che si può fare in questi casi, sta tutta dentro al titolo di un film (che di britannico non ha proprio niente): “Non ci resta che piangere”.


Foto di Daniele Trevisan

Silvio Cacciatore
Lavoro nel campo della comunicazione e mi occupo di teatro come regista e attore e di radio come speaker e conduttore. Ho scritto e scrivo su numerose testate.

    IL MONDO DELLO SPETTACOLO NON CI STA: REAZIONI AL NUOVO DPCM

    Articolo precedente

    GLI ASSESSORI ALLA CULTURA SCRIVONO AL GOVERNO

    Articolo seguente

    Ti potrebbero interessare

    1 Commento

    1. […] Quello che sembra manchi, in Inghilterra, è proprio il diritto ad esercitare le professioni dello spettacolo a chi ha superato una certa età. Una “discriminazione bianca”, celata dietro una volontà di tutelare la salute dei più fragili, ma che li lascia esposti ad una grave crisi economica senza alcun tipo di supporto – anche economico – momentaneo. Per non parlare dell’apporto creativo, già messo in discussione dalla campagna mediatica finanziata da Boris Johnson che invitava gli artisti a pensare ad un lavoro differente, di cui vi abbiamo già parlato su Notizie di Spettacolo. […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *