Non solo spettacolo

SOSPESE LE ATTIVITA’ DI SPETTACOLO; LA POSIZIONE DI AGIS

7
Tempo di lettura: < 1 minuto

Illustre Presidente del Consiglio, Illustre Ministro,

facendo seguito alle fitte interlocuzioni intervenute nella giornata di ieri con il Ministro Franceschini, che ringraziamo per lo sforzo compiuto in queste ore per addivenire a conclusioni differenti, esprimiamo la nostra contrarietà, insieme a larghissima parte dell’opinione pubblica, rispetto alla ipotesi prevista nel DPCM in merito alla sospensione delle attività dei teatri, dei cinema e dei luoghi di spettacolo.

Come evidenziato dai dati di una ricerca da noi effettuata e trasmessa alle Istituzioni ed agli organi di informazione, i luoghi di spettacolo si sono rivelati tra i più sicuri spazi di aggregazione sociale. Riteniamo, pertanto, che la misura prevista sia ingiustamente penalizzante rispetto al nostro settore. Sono stati siglati accordi e protocolli a livello territoriale ed a livello nazionale con le Organizzazioni di categoria per garantire la salute e la sicurezza e tutte le imprese del comparto si sono adeguate assumendosi onerosi investimenti per elevare il livello di prevenzione sia per i lavoratori che per gli spettatori.

Pertanto, riteniamo che vi siano i presupposti affinché i teatri, le sale cinematografiche e da concerto siano escluse da provvedimenti restrittivi, alla luce di dati oggettivi che siamo pronti a dimostrare nelle sedi opportune.

Una nuova chiusura delle attività del settore comporterebbe un colpo difficilmente superabile ed una drammatica ricaduta sulle decine di migliaia di lavoratori ed artisti, già al limite del sostentamento a causa del crollo del reddito. Si tratterebbe di una scelta devastante per l’intero Paese.

Chiediamo sin da subito l’apertura di un tavolo al fine di individuare possibili strumenti idonei ad affrontare le situazioni di maggiore sofferenza e a garantire più certezza per il futuro.

Confidando in una comprensione delle ragioni esposte,

 si porgono cordiali saluti.

LETTERA DI BONACCINI: VALUTARE CHIUSURE SPETTACOLO

Articolo precedente

IL MONDO DELLO SPETTACOLO NON CI STA: REAZIONI AL NUOVO DPCM

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

7 Commenti

  1. […] insensata perché, come sottolinea il Presidente Agis Carlo Fontana in una lettera ufficiale (qui il testo integrale) indirizzata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro dei Beni e delle Attività […]

  2. Bar e Ristoranti devono rimanere aperti fino alle 23 o alle 24. I Teatri sono meno importanti dei bar e dei ristoranti? Si ai musei, no alla musica o alla prosa? Ma siete fuori come balconi. Tra l’altro c’è meno assembramento alla Fenice o alla Scala che davanti ad un pub. La cura dell’anima è importante quanto il nutrimento del corpo. E non è solo un superfluo gioco per ricchi. (come se andare al ristorante costasse poco cenare o pranzare).
    La cultura ci rende liberi; più di un piatto di agnolotti.
    Cari governanti, non rendersene conto è da ignoranti. Come è stato scritto i teatri si sono rivelati luoghi sicuri; paragonare di fatto i luoghi della cultura alle sale giochi è un’offesa al Paese. (Scritto ieri sera, poco prima delle 21).

  3. […] affinché teatri, cinema e sale da concerto possano riaprire prima del termine di efficacia del Decreto, soprattutto se le analisi di tracciamento del contagio delle ultime due settimane confermeranno la […]

  4. Luoghi sicuri Teatri Cinema E sale per Concerti ….sicuri perche possono rispettare le ristrettezze cisa dufficile per bar scule da ballo e circoli vari ..un Teatro aperto è speranzoso un Cinema aperto dà l’idea che non si vive per paura ..Sale da concerto aperte luoghi ideali pieni di speranza

  5. […] al premier anche l’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, che rivolge la missiva, contestualmente, anche al ministro per la Cultura Dario […]

  6. […] l’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, d’altra parte, in una lettera al ministro Dario Franceschini, aveva espresso “contrarietà, insieme a larghissima parte dell’opinione pubblica, rispetto […]

  7. […] cinema e sale da concerto possano riaprire prima del termine di efficacia del Decreto, soprattutto se le analisi di tracciamento del contagio delle ultime due settimane confermeranno la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *