NewsNon solo spettacolo

PNRR CULTURA: I 9 INTERVENTI E I BANDI

0
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Tempo di lettura: 2 minuti

E’ l’ing. Angelantonio Orlando, dirigente del Servizio V – “Contratti e attuazione programmi” del Segretariato generale del MiBACT, il responsabile dell’Unità di Missione per l’attuazione del PNRR del Ministero della Cultura, il programma di investimenti da 4,28 miliardi di euro.

I responsabili dei nove macro interventi

1.1 Piattaforme e strategie digitali per l’accesso al patrimonio culturale: Digital Library.

1.2 Rimozione delle barriere fisiche e cognitive in musei, biblioteche e archivi: Direzione Generale Musei,

1.3 Efficienza energetica in cinema, teatri e musei: Direzione Generale MuseiDirezione Generale Spettacolo dal Vivo.

2.1 Attrattività dei borghi: Servizio V del Segretariato Generale.

2.2 Tutela e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale: Servizio V del Segretariato Generale 

2.3 Valorizzazione l’identità dei parchi e giardini storici: Servizio V del Segretariato Generale 

2.4 La Sicurezza sismica dei luoghi di culto, il restauro del patrimonio culturale FEC e il Recovey Art: Servizio V del Segretariato Generale, Ministero degli Interni (FEC) e Soprintendenza speciale di Roma (per le chiese della Capitale).

3.2 Sviluppo dell’industria cinematografica (Cinecittà, Istituto Luce e la Fondazione Centro sperimentale di cinematografia): Direzione Generale per il Cinema.

3.3 Capacity building per gli operatori culturali per la transizione digitale e verde: Direzione Generale Creatività Contemporanea.

La riforma di adozione dei criteri ambientali minimi negli avvisi e negli eventi culturali pubblici sarà in capo al Ministero della Transizione Ecologica.

Bandi per l’efficientamento energetico di cinema e teatri

Entro fine novembre la Direzione Generale Spettacolo dal Vivo pubblicherà il bando per l’efficientamento energetico in cinema e teatri del valore di 100 milioni di euro. Le proposte di Cinema e teatri pubblici e privati saranno valutate e selezionate da una Commissione interna al Ministero.

Borghi: conviene fare rete

Dall’incontro tra Mic, Regioni e coordinamento dei borghi e associazioni varie, si è deciso di suddividere l’intervento in due sottocomponenti:

1. 21 borghi interessati per un valore complessivo di 420 milioni di euro.
In ogni borgo, prescelto dalla Regione di riferimento, l’intervento pilota vedrà un investimento di 20 milioni di euro. I borghi dovranno essere soggetti al fenomeno dello spopolamento e una componente residenziale ben identificata di massimo 300 unità abitative (non è previsto un numero di residenti preciso).

Il piano di gestione delle candidature inviate dalle Regioni entro il 15 marzo 2022, dovrà dimostrare l’inversione della tendenza negativa e l’effettiva ricaduta dell’investimento in termini di creazione di nuove imprese e di occupazione, soprattutto giovanile e nelle aree limitrofe al territorio prescelto.

2. 580 milioni di euro sarà l’investimento suddiviso tra borghi e imprese commerciali, artigianali, culturali capaci di valorizzare i saperi e le tecniche locali. 229 borghi sotto i 5.000 abitanti saranno selezionati per un finanziamento di 1,650 milioni di euro (che aumenta per ognuno del 30% se i borghi presenteranno in forma aggregata, in un massimo di tre).

LE SPESE PREVISTE DAL PNRR SIANO REALI INVESTIMENTI PER IL FUTURO

PNRR, LEGAME TRA FESTIVAL E CITTA’ E SOSTENIBILITA’

Luigi Colella
Dal 2014 collaboro con Italiafestival, l'associazione dei festival italiani. Ho collaborato per diverse testate giornalistiche scrivendo di attualità, sport e cultura.

ATELIER MUSICALE: L’ARPA JAZZ E “SURREALISTA” DI MARCELLA CARBONI IL 27 NOVEMBRE ALLA CAMERA DEL LAVORO DI MILANO

Articolo precedente

TORNANO I PUPI, AL VIA UN CICLO DI SEMINARI SULLE CIVILTÀ MEDITERRANEE

Articolo seguente

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News